Il mondiale SBK, è giunto all’ottavo appuntamento stagionale e vede un Max Biaggi in testa al mondiale con un vantaggio di 37 punti su un certo Leon Haslam, in sella ad una Suzuki GSX-R 1000 K10. Il mondiale MotoGP ha fin’ora disputato sei prove e per trovare la prima Suzuki dobbiamo andare al sedicesimo posto, (ricordiamo che in MotoGP ci sono 17 piloti totali, più Akiyoshi che sostituisce l’infortunato Aoyama), mentre Bautista è al diciassettesimo posto. Fin qui, nulla di così anormale.

La notizia, è che Suzuki, ha ridotto al minimo, se non a zero, lo sviluppo della GSX-R che lotta per vincere il mondiale in SBK, per concentrarsi completamente su una MotoGP, che sta perdendo valore giorno dopo giorno, ora dopo ora. Il colmo, sta nel fatto che se al team di Francesco Battà, dovessero servire pezzi di ricambio oltre a quelli già a disposizione, dovrebbe PAGARE di tasca propria il materiale. Ma non è finita, perchè Haslam e Guintoli non erano piloti graditi alla casa giapponese, che avrebbe voluto tenere Kagayama, (pilota di casa) e un altro pilota a loro scelta. Per questo motivo, il manager francese, ha dovuto mettere di persona sotto contratto i due alfieri, ed è costretto a stipendiarli personalmente. Quindi più Haslam vince e va forte, più Battà s’impoverisce ma soprattutto diminuiscono i fondi del team.

Com’è possibile che una squadra che è sempre stata competitiva nel mondiale delle derivate di serie e che ha vinto anche un mondial con Troy Corser, che si ritrova seconda nel mondiale, con un pilota tosto come Haslam, rinunci allo sviluppo per mandare avanti un progetto che non regala soddisfazioni da anni? E’ assurdo che un team come Alstare, che ha un contratto ufficiale con la casa madre, debba avere noie per un ricambio del costo di 3€??

In MotoGP stanno collezionando solo figuracce, con un Loris Capirossi che prende ormai più di un secondo al giro e un Alvaro Bautista che seppur debuttante, è costantemente per terra. Leon Haslam si sta rivelando pilota concreto, che sa portare a casa un risultato anche quando il mezzo non è al 100% ed è ancora in piena lotta per il titolo. Guintoli ha avuto qualche difficoltà, m sembra ne stia venendo fuori, con delle prestazioni discrete, non ultime le due prove di Misano, dove si è reso protagonista in gara1. L’azione della casa giapponese sembra al quanto masochista…. Vedremo se avrà ragione…..

Cara Suzuki, ma che combini?