Pubblicità

F1: Hamilton- Massa

Ormai è noto a tutti l’episodio che ha contraddistinto il passato Gran Premio di Singapore, cioè il contatto tra l’inglese e il paulista. Dopo le accuse del secondo, e le scuse del primo, viene fuori una conversazione del team radio diffusa dalla stampa dove si sente abbastanza chiaramente l’ingegnere di pista Rob Smadley istigare Massa a tenere dietro Hamilton per evitare di raggiungere Alonso con ogni mezzo.

Questa è la frase incriminata “Hold Hamilton as much as we can. Destroy his race as much as we can. Come on, boy”.  A pubblicare la notizia è stata la rivista Autosport ma quello che non si evince è il momento in cui è stata pronunciata. Ovviamente la cosa più logica è che sia stata detta nella fase antecedente il contatto tra i due piloti, nelle fasi iniziali di gara. Sicuramente questa cosa getterà benzina sul fuoco delle polemiche che sono scaturite nel post gara tra i piloti e le rispettive squadre.

Petit Le Mans: Peugeot vince a Road Atlanta e conquista il campionato 

La Peugeot ha vinto alla grande sul tracciato americano di Road Atlanta la gara intitolata Petit Le Mans in onore della classica 24h. La vittoria nella gara americana ha permesso alla casa Francese di aggiudicarsi il campionato International Le Mans Series. Per la cronaca il successo è andato alla 908 di Franck Montagny, Stéphane Sarrazin ed Alex Wurz che ha preceduto quella di Lapierre, Minassian e Gené. Male invece quella di Bourdais, Pagenaud e Davidson, ritirata per la rottura del  cambio.

Continua invece la serie negativa dei contatti con doppiati delle Audi. La prima quella di Capello, Kristensen e McNish, per un contatto con una Lotus e quella di Bernhard, Fassler e Dumas per un contatto con una Porsche.  in LMP2 per l’Hpd Arx-01g di Tucker, Bouchut e Barbosa, mentre in GTE Pro si è imposta la Ferrari 458 Italia Team AF Corse di Gianmaria Bruni, Toni Vilander e Giancarlo Fisichella, davanti alla 911 di Bergmeister, Long e Pilet. Vittoria in GTE-Am per la Ferrari F430 “Krohn Racing” guidata da Jonsson, Rugolo e Tracy Krohn.

Petit Le Mans, classifica finale:

01 – Montagny-Sarrazin-Wurz (Peugeot 908) – Peugeot – 394 giri
02 – Lapierre-Minassian-Gene (Peugeot 908 HDI) – Oreca – 389
03 – Fernandez-Primat-Mucke (Lola Aston Martin) – Aston Martin – 388
04 – Pla-Premat-Yvon (Pescarolo 01-Judd) – OAK – 384
05 – Prost-Jani-Belicchi (Lola-Toyota) – Rebellion – 381
06 – Tucker-Bouchut-Barbosa (HPD ARX-01e) – Level 5 – 375
07 – Lahaye-Moreau-Ragues (Pescarolo 01-Judd) – OAK – 370
08 – Dobson-Richard-Lewis (Oreca FLM09) – PR1 – 368
09 – Ducote-Ducote-Marcelli-Drissi (Oreca FLM09) – Intersport – 368
10 – Fisichella-Bruni-Kaffer (Ferrari 458) – AF Corse – 367
11 – Bergmeister-Long-Pilet (Porsche 997) – Flying Lizard – 367
12 – Auberlen-Werner-Farfus (BMW M3) – Rahal – 367
13 – Brown-Johansson-Patterson (Ferrari 458) – Extreme Speed – 367
14 – Gavin-Magnussen-Westbrook (Corvette ZR1) – Corvette – 366
15 – Henzler-Sellers-Ragginger (Porsche 997) – Falken – 365
16 – Sharp-van Overbeek-Farnbacher (Ferrari 458) – Extreme Speed – 365
17 – Dyson-Smith-Cochran (Lola B09-86-Mazda) – Dyson – 363
18 – Firman-Jakubowski-Halliday (Ferrari 458) – Luxury – 361
19 – Neiman-Holzer-Law (Porsche 997) – Flying Lizard – 361
20 – Muller-Hand-Priaulx (BMW M3) – Rahal – 359
21 – Brown-Cosmo-Bell (Ferrari 458) – Extreme Speed – 357
22 – Mailleux-Ordonez-Vernay (Oreca 03-Nissan) – Signatech – 357
23 – Miller-Maassen-Collard (Porsche 997) – Miller – 357
24 – Krohn-Jonsson-Rugolo (Ferrari 430) – Krohn – 355
25 – Bornhauser-Canal-Gardel (Corvette ZR1) – Larbre – 353
26 – Robertson-Snow-Murry (Ford GT) – Robertson – 350
27 – Pappas-Bleekemolen-Bleekemolen (Porsche 997 Cup) – Black Swan – 346
28 – Sweedler-Wong-Keen (Porsche 997 Cup) – Alex Job – 346
29 – Ende-Pumpelly-Ludwig (Porsche 997 Cup) – TRG – 345
30 – Jeannette-Gonzalez-Junco (Oreca FLM09) – Core – 340
31 – Kauffman-Aguas-Bell (Ferrari 458) – AF Corse – 338
32 – Burgess-McMurry-Willman (Lola-AER) – Autocon – 336
33 – Giroix-Kauffman-Wainwright (Aston Martin Vantage) – Gulf – 332
34 – Lux-Julian-Zugel-Grogor (Oreca FLM09) – Genoa – 327
35 – Bennett-Montecalvo-Dalziel (Oreca FLM09) – Core – 324
36 – Nicolet-da Rocha-Lafargue (Pescarolo 01-Judd) – OAK – 324
37 – Ortelli-Makowiecki-Beltoise (Ferrari 458) – Luxury – 316
38 – Tucker-Franchitti-Diaz (HPD ARX-01e) – Level 5 – 314
39 – Ehret-Mullen-Wills (Ferrari 430) – CRS – 310
40 – Capello-Kristensen-McNish (Audi R18) – Audi – 302
41 – Bernhard-Dumas-Fassler (Audi R18) – Audi – 296
42 – Nicolosi-Boon-Lueders (Oreca FLM09) – Perf.Tech – 293
43 – von Moltke-Norman-Keating (Porsche 997 Cup) – TRG – 247
44 – Rossiter-Mowlem-Hansson (Lotus Evora) – Jetalliance – 237
45 – Slingerland-Rich-Andersen (Lotus Evora) – Jetalliance – 197
46 – Lietz-Ried-Bullitt (Porsche 997) – Proton – 164
47 – Junqueira-Wilden-James (Jaguar XK) – Rocketsports – 92
48 – Bourdais-Pagenaud-Davidson (Peugeot 908) – Peugeot – 78
49 – Beretta-Milner-Garcia (Corvette ZR1) – Corvette – 76
50 – Luhr-Graf-Pickett (Lola Aston Martin) – Cytosport – 63
51 – Al Masaood-Kane-Leitzinger (Lola B09-86-Mazda) – Dyson – 29
52 – Jones-Moran-Lewis (Jaguar XK) – Rocketsports – 27

Le Mans: l’Originalissima LMP1 della Deltawing correrà con Michelin alla 24h

La gara di Road Atlanta è stata l’occasione per la presentazione della originalissima LMP1 della Deltawing. La vettura sarà gommata dalla Michelin unico costruttore ad accettare di produrre pneumatici di misura particolare per le esigenze aerodinamiche della vettura. La LMP1 Deltawing è gestita dalla Highcroft Racing. Oltre alla forma estremamente aerodinamica come si può notare dalla foto la vettura pesa solo 450kg e monterà un motore di soli 300cv per uniformarsi al regolamento vigente della 24h. Tutte cose che aiuteranno a consumare meno le gomme di dimensione ridotta a 15 pollici in luogo dei classici 18.

Pubblicità