Pubblicità

Si è corso l’ultimo round del campionato Intarnational Le Mans Cup sulla pista Cinese di Zuhai. In terra di oriente si è imposta la Peugeot che con una splendida doppietta ha consacrato il titolo della serie conquistato qualche gara fa. La 908 di Sébastien Bourdais ed Anthony Davidson ha preceduto infatti la gemella condotta da Franck Montagny e Stéphane Sarrazin. Terza la prima delle Audi con Bernhard e Fassler che hanno anche comandato la gara all’inizio per poi perdere nei confronti del costruttore francese. Nella categoria GTE quella delle berlinette derivate dalla serie, la vittoria va alle BMW che hanno preceduto le Ferrari del teal AF corse che ricordiamo ha già vinto il titolo.

Questa edizione del campionato ILMS è stata una delle migliori mai disputate, infatti sui tracciati pià belli del mondo da Road Atlanta, a Spa, passando anche per Imola e Silverstone le due case protagonisti la Peugeot e l’Audi hanno dato vita a spettacolari gare finite sempre con distacchi degni di gare sprint e di formula, con duelli ravvicinati degni della migliore tradizione del motorsport. Un risultato sostanzialmente alla pari tra i due contendenti con la Peugeot che fa suo il campionato e l’Audi che ha soffiato alla casa transalpina la classica più importante del motorsport, la 24h di Le Mans.  Importantissima comunque l’affermazione di Peugeot in terra di Cina, mercato particolarmente sensibile per le vendite, alle gesta agonistiche delle case presenti sul mercato Cinese.

Classifica finale:

01 – Bourdais-Davidson (Peugeot 908) – Peugeot – 249 giri 6.01?24?879
02 – Sarrazin-Montagny (Peugeot 908) – Peugeot – 38?651
03 – Behrnard-Fassler (Audi R18) – Audi – 1 giro
04 – Jani-Prost (Lola B10/60 – Toyota) – Rebellion – 7 giri
05 – Nicolet-Premat-Pla (Pescarolo – Judd) – OAK – 9 giri
06 – Mucke-Meyrick-Primat (Lola – Aston Martin) – AMR – 10 giri
07 – Lahaye-Moreau-Ragues (Pescarolo – Judd) – OAK – 11 giri
08 – Mailleux-Ordonez-Vernay (Oreca 03-Nissan) – Signatech – 21 giri
09 – Farfus-Muller (BMW M3) – Schnitzer – 28 giri
10 – Priaulx-Alzen (BMW M3) – Schnitzer – 29 giri
11 – Ortelli-Makowiecki (Ferrari 458) – Luxury – 31 giri
12 – Lietz-Ried-Roda (Porsche 997) – Proton – 32 giri
13 – Beretta-Bornhauser-Canal (Corvette ZR1) – Larbre – 33 giri
14 – Krohn-Rugolo-Jonsson (Ferrari 430) – Krohn – 34 giri
15 – Mullen-Ehret-Wills (Ferrari 430) – CRS – 34 giri
16 – Da Rocha-Lafargue (Pescarolo – Judd) – OAK – 36 giri
17 – Chen-Shanqi (Oreca FLM09) – PTRS – 36 giri
18 – Mortara-O’Young-Imperatori (Audi R8) – Audi China – 39 giri
19 – Gruber-Lee-Tak Mak (Audi R8) – Race Experience – 46 giri
20 – Goethe-Giroix (Aston Martin Vantage) – Gulf Team – 51 giri
21 – Rich-Rasmussen-Singerland (Lotus Evora) – Jetalliance – 55 giri
22 – Naoki-Shogo (Courage – Nissan) – Tokai – 62 giri
23 – Bruni-Fisichella (Ferrari 458) – AF Corse – 63 giri

Giro più veloce:

Bourdais-Davidson 1?23?177

Ritirati:

169 giri – Tsuzuki-Kim-Van Dam
163 giri – Rossiter-Mowlem-Heinemeier
139 giri – Kristensen-McNish
110 giri – Beltoise-Farnbacher-Firman
73 giri – Cheng-Arnold-Hakkinen
22 giri – Cioci-Ma

Pubblicità