Pubblicità

Sono cominciati i test collegiali in Australia per le derivate dalla serie e subito ci sono stati un paio di colpi di scena. Innanzitutto la caduta di Max Biaggi che, arrivato lungo, ha toccato Berger e poi è caduto senza nessuna conseguenza. Peggiore sorte è toccata all’americano John Hopkins che è caduto fratturandosi il polso destro e che vede improbabile la partecipazione alla gara d’apertura del mondiale SBK. Scivolati senza conseguenza anche Smrz e Giuliano. Il tempo inoltre ha fatto un pochino le bizze alternando sprazzi di sole a leggere pioggerelle.

Parlando di tempi (ufficiosi) stupisce subito Sykes in sella alla Kawasaki che stampa un ottimo 33,0 a pari merito con il ducatista  e campione del mondo in carica Carlos Checa.

Ottimo anche il tempo di Laverty in sella all’Aprilia, che si mette dietro il caposquadra Max Biaggi. Melandri sembra stia prendendo le misure alla sua BMW, e i passi avanti sembrano confermati anche da Haslam. Esordio stagionale difficile per il Pata Ducati con l’esordiente Zanetti deve prendere le misure alla nuova categoria.

tempi dati dal giornalista sportivo Paolo Gozzi su Facebook

1 Tom Sykes (GB) Kawasaki 1:33,0
1 Carlos Checa (E) Althea Ducati 1:33,0
3 Eugene Laverty (IRL) Aprilia 1:33,3
4 Marco Melandri (I) BMW 1:33,4
5 Max Biaggi (I) Aprilia 1:33,7
5 Leon Haslam (GB) BMW 1:33,7
7 Jakub Smrz (CZ) Liberty Effenbert Ducati 1:34,0
8 Sylvain Guintoli Effenbert Liberty Ducati 1:34,1
8 Joan Lascorz (E) Kawasaki 1:34,1
10 Ayrton Badovini (I) BMW Italia GoldBet 1:34,0
11 Maxime Berger Effenbert Liberty Ducati 1:34,3
12 Michel Fabrizio (I) BMW Italia GoldBet 1:34,4
13 Leon Camier (GB) Crescent Fixi Suzuki 1:34,5
14 David Salom (E) Pedercini Kawasaki 1:34,9
15 David Johnson (AUS) Rossair AEP BMW 1:35,7
16 Davide Giugliano (I) Althea Ducati 1:35,8
17 Lorenzo Zanetti (I) Pata Ducati 1:37,1
18 John Hopkins (USA) Crescent Fixi Suzuki

Pubblicità

13 COMMENTS

  1. Finalmente la BMW ha un pilota giusto in Macho che sta progredendo mi sembra abbastanza rapidamente.

    Di Sykes non mi meraviglio non e’ bisogna solo vedere se torva la costanza, ma anche la Kawa deve aver lavorato finalmente bene e si sa con l’elettronica si tiene molto sotto controllo il pacchetto di potenza disponibile.

  2. che sfortuna hopper spero finiscano qui i suoi problemi concordo con aseb su sykes e la verdona bmw con melandri sembra aver trovato un buon collaudatore per ora l aumento di peso non incide su ducati

  3. incomincano le cose serie,d’ora in poi lo prometto aseb mi focalizzo su Max.!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  4. Terra concentrati bene però perché Max ha un bel cetriolino tra le chiappe con Laverty…. 😉

    Bene la Kawa, vediamo se sulla distanza tiene. I 6kg in più sulla Ducati faranno ben poco mi sa…

  5. Max come sempre comincia in sordina, poi ha un team completamente nuovo ed alcuni componenti del suo team non conoscono nemmeno l’Aprilia. Fra un po’ lo troviamo alle costole di Checa se non davanti.

  6. Buonasera buonasera! 🙂
    Certo che questa caduta per Biaggi non ci voleva…però ha ragione Aseb, si nasconde, si nasconde.
    E Hopkins ci fa o ci è???

  7. Va be Laverty e’ seduto su di una moto ex-campione del mondo, che oltretutto se Max nel 2011 non faceva le cavolate che ha fatto e non veniva colpito dalla sfiga nera nel piede, non so mica se Checa riusciva ad agguantare cosi’ facilmente il titolo cosi’ come ha fatto correndo spesso in sicurezza..

  8. Ragazzi quest anno mi sara´ difficile tifare Biaggi, con questa verdona cosi´ in forma.
    Mi dispiace un sacco per Hopkins.

  9. Rombotti sono d’accordo, sarà difficile pure per me tifare Biaggi, con la BMW che pare abbia fatto dei bei progressi!

  10. smeriglio d’accordo che laverty è un brutto cliente, su questo non ci piove, ma ti ricordo che dal 1993 mai il suo compagno di team gli è stato davanti alla fine del campionato.

    anche nel famoso 2005 fino al g.p.di turchia dove avvenne il grande clash con la honda, max era secondo dietro rossi e davanti ad hayden.

    non vedo xkè quest’anno le cose cambieranno, max è come un buon dolcetto d’alba di una grande annata, piu gli anni passano, migliore diventa

    buona serata

  11. Terrasanta quest’anno mi sa che il caro Max non puo’ permettersi alcun errore se vuole ottenere un mondiale che con l’Aprilia e’ sicuramente alla sua portata.

  12. @Terra: beh ma Biaggi è un osso duro e questo si sa. I compagni di squadra veloci fanno esaltare i campioni, e credo che sarà così anche quest’anno.
    Vedremo….comunque spero di vedere molti outsider quest’anno, alla faccia della motopipi che saranno li i soliti 4 gatti.

Comments are closed.