Dopo i primi test a Jerez si torna su una pista che sarà protagonista del mondiale, sicuramente la più probante sia per le vetture che per i piloti. Infatti il tracciato di Bercellona è da sempre il banco di prova più impegnativo e al contempo un giudice infallibile della bontà di una monoposto.  Alla luce di ciò non desta molta sorpresa la prima posizione del campione del mondo in carica Sebastian Vettel con la sua RB8. Il tempo di riferimento è stato messo nella mattinata e ha retto per tutta la sessione. Al secondo posto come avevamo già anticipato nella presentazione l’ interessantissima Force India a poco più di due decimi con il connazionale del campione del mondo Niko Hulkemberg.  La Mclaren si Hamilton al terzo posto seguito da quella che sucuramente assieme alla vettura Indiana è una delle più interessanti la Toro Rosso di Daniel Ricciardo.

Poco incoraggiante la prima giornata della Rossa di Maranello di Fernando Alonso che si piazza alle spalle dell’australiano della Toro Rosso a ben otto decimi dai primi. Grosso del ritardo accumulato è dovuto a qualche noia di messa appunto ma come la vettura dell’anno scorso anche la F2102 sembra essere leggermente più lenta sul giro secco ma più costante sulla distanza del passo gara. Lo stesso destino della Ferrari è occorso alla nuova Mercedes W03 che ha avuto notevoli problemi di gioventù ma che quando è riuscita a girare ha fatto segnare un tempo dignitoso vicinissimo a quello della Ferrari di Alonso

Test di Barcellona, tempi del day 1:

01. Vettel Red Bull 1m23.265s 79 giri
02. Hulkenberg Force India 1m23.440s +0.175 97
03. Hamilton McLaren 1m23.590s +0.325 114
04. Ricciardo Toro Rosso 1m23.618s +0.353 76
05. Alonso Ferrari 1m24.100s +0.835 75
06. Schumacher Mercedes 1m24.150s +0.885 51
07. Perez Sauber 1m24.219s +0.954 66
08. Senna Williams 1m25.711s +2.446 97
09. Kovalainen Caterham 1m26.035s +2.770 31
10. Grosjean Lotus 1m26.809s +3.544 7
11. Pic Marussia 1m28.026s +4.761 121