Pubblicità

Ultimo giorno dei test collettivi di Barcellona conclusi con un’altra sorpresa. Dopo il miglior tempo di ieri firmato Maldonado, questa volta è toccata alla Sauber di Kobayashi terminate davanti a tutti. Il giapponese ha ottenuto la sua miglior prestazione poco prima della pausa pranzo in 1’22″312, utilizzando gomme super soft. Un tempo interessante, il migliore dell’intera quattro giorni. Kobayashi infatti è riuscito ad abbassare di una manciata di millesimi il tempo di Pastor, anche oggi in grande forma grazie al suo secondo tempo. La Williams continua il suo lavoro di test, supportata dall’ottima affidabilità della Fw34m in grado di compiere ben 134 giri senza accusare particolare poroblemi. Terzo Paul Di Resta, protagonista anche di un testacoda nei pressi della curva Campsa, con tanto di bandiere rosse in seguito ad un testacoda.

Per i Top-Team nessuna ricerca della pura prestazione, bensì log-run e continua analisi dei preziosi dati ricevuti da sensori e piloti. Da sottolineare con estrema attenzione il crono messo a segno da Jenson Button, capace di un 1’23″200 con gomme dure. Davvero una ottima prestazione che dà credito alle voci di una MP4/27 tanto particolare quanto efficace. Ferrari e la Red Bull sono sì rimaste in scia al campione del mondo 2009, utilizzando però le coperture morbide. Felipe Massa e Mark Webber chiudono rispettivamente in quinta e sesta posizione, iniziando la sessione pomeridiana con oltre un’ora di ritardo rispetto al resto del gruppo. Bene la Toro Rosso di Jean-Eric Vergne, in grado sua volta di scendere sotto all’1’24” tenendosi dietro la Mercedes di Nico Rosberg. Il lavoro da fare sulla nuova freccia d’argento è ancora tanto, come dimostrano i 139 giri inanellati del teutonico biondo.

A chiudere la classifica la Caterham di Heikki Kovalainen, rimasta però decisamente lontana dal resto del gruppo. In mattinata un problema elettrico ha fatto perdere al team anglo-malese buona parte della giornata, costringere i tecnici al cambio del motore. Solo nel pomeriggio il finlandese è riuscito a tornare in pista, compiendo 54 passaggi ma rimanendo sempre lontano tre secondi dal gruppo. Infine, dopo la Lotus, anche la Marussia è stata costretta a tornare in fabbrica prima del previsto. Un problema con le sospensioni ha impedito a Charles Pic di continuare il suo apprendistato, rinviando la sua presa diretta con l’intricato mondo della Formula uno ai già vicini test collettivi, sempre nell’impegnativa pista di Montmelò.  A seguire i tempi dell’ultima giornata.

F1, 24/02/2012 quarta giornata di test 
1. Kamui Kobayashi – Sauber-Ferrari – 1’22″312 – 131 giri
2. Pastor Maldonado – Williams-Renault – 1’22″561 – 134
3. Paul di Resta – Force India-Mercedes – 1’23″119 – 101
4. Jenson Button – McLaren-Mercedes – 1’23″200 – 115
5. Felipe Massa – Ferrari – 1’23″563 – 103
6. Mark Webber – Red Bull-Renault – 1’23″774 – 85
7. Jean-Eric Vergne – Toro Rosso-Ferrari – 1’23″792 – 92
8. Nico Rosberg – Mercedes – 1’23″843 – 139
9. Heikki Kovalainen – Caterham-Renault – 1’26″968 – 70

 

Riccardo Cangini

Pubblicità