Pubblicità

Nonostante il recupero vistoso di Seat e Bmw nella gara di Valencia,  ancora una volta sono le Chevrolet a monopolizzare la vittoria con Ivan Muller in gara uno e Alain Menu in gara due, anche se sta volta le vetture celesti americane non hanno monopolizzato il podio. Comunque un ottimo auspicio per il proseguo del campionato con il trio Chevrolet,  che come è successo sul tracciato intitolato a Rcardo Tolmo,  hanno dovuto battagliare con agguerritissimi avversari come Gabriele Tarquini, Tom Coronel e un plotone di indipendenti competitivi come Pepe Oriola, Norbert Michelisz, Sefano D’Aste e Franz Engstler.   Questi protagonisti sembrano fermamente intenzionati a limitare lo strapotere delle vetture americane generando gare altamente spettacolari nel proseguo della stagione.

In gara uno la vittoria in solitaria di Ivan Muller non deve trarre in inganno perche la tranquillità con cui il campione francese ha vinto è dovuta in gran parte al duello alle sue spalle tra Tarquini e Coronell che ostacolandosi a vicenda hanno concesso ampio spazio alla Chevrolet di Muller. Anche in gara due ci sono stati momenti altamente emozionanti con Menu costretto a districarsi, difendendo la posizione dagli attacchi di ben quattro BMW, con un duello  finale con Coronell al limite della correttezza.

Nel trofeo indipendenti Yokohama grande battaglia con Oriola e Stefano D’Aste che si dividono le due vittorie di categoria con grandi duelli anche con vetture ufficiali molto meglio preparate. Progressi anche per il neo team Aon della Ford Forcus con James Nash che giunge a ridosso della zona punti in entrambe le gare. Il mondiale WTCC si sposta per il 15 aprile a Marrakech, in Marocco.

Pubblicità