Pubblicità

 

Due marchi prestigiosi destinati ad incontrarsi sotto un unico emblema, sotto il segno dell’alta qualità. La scuderia Happy Racer è pronta ad affiancare nuovamente Mark Speakerwas, nell’appuntamento inaugurale imolese del monomarca riservato alle “made in england”. Lo farà con la solita determinazione, forte del coinvolgimento con Patarò, azienda leader in campo alimentare.

 Due giorni da vivere intensamente, nell’ennesimo contesto esclusivo delle quattro ruote. Un connubio dalle grandi prospettive, legittimato da professionalità ed ambizione. La scuderia Happy Racer è pronta ad un altro fine settimana di alto contenuto agonistico, sui chilometri dell’appuntamento inaugurale della Ginetta G50 Cup Italia, in scena nei giorni 14-15 aprile sull’asfalto dell’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola.

Al fianco del suo portacolori Mark Speakerwas, balzato agli onori delle cronache sportive grazie ad una stagione 2011 affrontata su Porsche ed impreziosita dal titolo di Vice Campione GT Cup nel Campionato Europeo GT Blancpain Endurance Series, cercherà di confermare quelle buone sensazioni riscontrate nelle recenti 24 Ore di Dubai, sul sedile della GT britannica. Assistito tecnicamente da Nova Race, il portacolori di casa Happy Racer si alternerà alla guida della Ginetta G50 con Giampiero Cristoni, consapevole di poter contare su indubbie qualità velocistiche capaci di consacrarlo nella ristretta cerchia dei piloti più accreditati al successo finale.

Ad impreziosire l’impegno di Mark Speakerwas sarà il coinvolgimento di Patarò, azienda divenuta leader in campo gastronomico grazie ai suoi ormai celebri “gnocchi”, divenuti fiore all’occhiello della fortunata realtà bresciana in campo internazionale. Un connubio perfetto, quello tra Patarò ed Happy Racer, testimoniato da una spiccata attitudine ad imporsi nel mercato di oltre confine.

Sono molto felice, soddisfatto dell’aver raggiunto questo accordo – ha confermato Mark Speakerwas a pochi giorni dal via della gara –ringrazio Patarò per avermi concesso l’opportunità di avvalermi di uno dei team di riferimento, consentendomi di prendere parte ad uno dei più agguerriti campionati del 2012. Le aspettative non possono che essere ambiziose, dopo una 24 Ore di Dubai che ci ha resi protagonisti e le cui sensazioni positive non sono state compromesse da alcuni piccoli ma ripetuti problemi di natura meccanica, variabili che ci hanno negato il podio”.

Motori accesi nella giornata di sabato 14 aprile con la programmazione dei giri di prove libere e di qualificazione. Due le gare previste al giorno seguente, primo atto di un monomarca incentrato su sei appuntamenti. L’occasione di assecondare al meglio la bacheca di Via San Luigi e le aspettative del marchio Patarò.

Pubblicità