Pubblicità

Di solito si dice che i record sono fatti per essere battuti ma per il cannibale otto volte campione del mondo rally sembrano bruscolini vista la facilità di come li batte. In Argentina non solo vince la sue terza gara su cinque nella stagione attuale ma completa anche la sua 70esima vittoria personale in carriera. Cosa che gli consente anche di allungare decisamente in un campionato che lo rivede ancora favorito. A dire il vero se si vuole trovare una macchia su questa vittoria strepitosa dell’alsaziano,  ci ha pensato la Citroen che per non rovinare una doppietta  strepitosa,  approfittando dell’enorme vantaggio accumulato da Loeb nei confronti del compangno Hirvonen,  ha deciso di congelare le posizioni imponendo un discutibile ordine di squadra. Sinceramente visto come si erano messe le cose e la superiorità dimostrata dal marziano Loeb non ne capiamo fino in fondo l’utilità.

Terzo posto fortunoso del vincitore a tavolino del rally di Portogallo,  Mads Ostberg, che ha approfittato del ritiro di Dani Sordo sulla Ford Fiesta che aveva sostituito Latvala per questo rally. Peccato per Petter Solberg che dopo il problema al braccetto dello sterzo nella prima speciale rientrato in gara con la formula discutibile del superally ha suonato la carica vincendo una speciale dopo l’altra risalendo fino alla quarta posizione. Inoltre vincendo il Power Stage   aggiungendo tre punti alla classifica generale. Alle sue spalle Martin Prokop e di Thierry Neuville.

Classifica finale (primi dieci)
1. Sebastien Loeb – Citroen DS3 WRC – 5.34’38″8
2. Mikko Hirvonen – Citroen DS3 WRC – +15″2
3. Mads Ostberg – Ford Fiesta RS WRC – +3’10″4
4. Martin Prokop – Ford Fiesta RS WRC – +9’45″3
5. Thierry Neuville – Citroen DS3 WRC – +11’17″6
6. Petter Solberg – Ford Fiesta RS WRC – +12’02″2
7. Sebastien Ogier – Skoda Fabia S2000 – +12’25″3
8. Evgeny Novikov – Ford Fiesta RS WRC – +21’10″2
9. Nasser Al-Attiyah – Citroen DS3 WRC – +28’22″6
10. Ott Tanak – Ford Fiesta RS WRC – +37’19″5

Pubblicità

1 COMMENT

Comments are closed.