Pubblicità

Dopo la gioia per la ritrovata Williams e un Fernando Alonso redivivo in spagna, proviamo a dare la pagelle ad una gara che tutto sommato non ha dato punti di spettacolo eccezionali come da un po di anni succede sulla pista più tecnica e una delle più difficili del mondiale.

Pastor Maldonado 9 Il Vnezuelano fino ad oggi si era reso protagonista di tutta una serie di errori che ne avevano messo seriamente in dubbio il talento. Ieri è incappato nella sua giornata della vita. Tutto gli è andato bene, non ha commesso errori ma soprattutto per un solo giro ha fatto vedere una grande classe con un tempo incredibile. Da qui a dire che sia nato un campiona ne passa ancora, ma una vittoria su una pista coma Barcellona dovrebbe farlo maturare definitivamente.

Kamuj Kobayashi 9 Il giapponese su una pista veramente selettiva ha fatto valere l’esperienza maturata l’anno scorso. Con una vettura molto buona e un ottima tattica ha recuperato posizioni importanti fini al ridosso del podio.

Kimi Raikkonen 8 Guida una Lotus che è veramente una gran macchina soprattutto perche gentile con le gomme senza perdere prestazioni. Solo che ancora una volta ha dato retta alla squadra e ancora una volta ha perso la gara. Con il passo che aveva nel finale la vittoria era sicuramente alla sua portata.

Sebastian Vettel 8 Sembrava che avessero risolto i loro problemi in Barhain ma a Barcellona la Redbull è andata di nuovo in difficoltà. L’unico a salvare l’onore delle lattine volanti e di se stesso che comanda la classifica mondiale è Vettel che lotta nonostante la macchina, le gomme, e le bandiere gialle.

Lewis Hamilton 8 Una grande gara se la guardiamo il fatto che è partito ultimo e arrivato nei punti. Ma siamo sicuri che se avesse avuto mano libera l’aggressività mostrata ieri poteva portarlo ancora più avanti. Bellissimi si sorpassi soprattutto il doppio ai due della Toro Rosso.

Fernando Alonso 7 Parte benissimo, a muso duro si prende la prima posizione. Poi un errore di tattica e un calo della sua Ferrari gli negano la vittoria. Nessuno mette in discussione la tenacia, la classe dello spagnolo ma cominciare a essere decisivo anche nelle strategie al posto di subirle potrebbe risolvere molti di suoi problemi.

Jenson Button 7 La Mclaren non va e nonostante sembra l’ombra del brillante pilota che si è visto ad inizio stagione tira il meglio da quella vettura e arriva a punti.

Roman Gorjean 6 La cosa positiva e che non fa più errori ma li ha rimpiazzati con gare regolari e anonime che hanno come unico pregio i punti alla squadra che finalmente porta costantemente due vetture al traguardo.

Niko Rosberg 6 Fa il possibile e resta fuori da tutti i guai possibili. Con una tattica buona riesce a mala pena e conservare la posizione di partenza. Forse ci  manca un po di incisività nello sfruttamento delle gomme che gli costano un paio di posizioni alla fine della gara.

Niko Hulkenberg 6 In una giornata difficile su una pista che doveva esaltare le qualità della Force India, ieri si è visto un po delle qualità di un pilota dalle grandi promesse.

Sergio Perez 5 Incolpevole dell’incidente in cui si è trovato coinvolto all’inizio, nonostante il cambio di tattica sta volta è il pilota messicano che non cambia passo e fa fatica a riprendere la zona punti.

Michael Shumacher 4 E’ vero che Bruno Senna gli ha confuso le idee…ma da che mondo è mondo è il pilota che ha più esperienza che si trova dietro con le gomme migliori che gestisce la situazione e finirgli addosso è un errore da vero pricipiante. Forse ci ha preso troppo alla lettera quando abbiamo detto che si diverte come un ragazzino.

Williams Renault 9 La testa dura e la grandissima tenacia di un uomo che non si arrende mai…Sir Frank Williams ci ha restituito un pezzo di storia della Formula 1.

Lotus Renault 8 Gli errori che commettono sono segno di gioventù, ma a furia di sbagliare dovranno capire come funzionano le gomme e le strategie. Il giorno che prenderanno coscienza dei loro mezzi avremo un altro pezzo di storia che ritorna.

Mclaren Mercedes 7  Il mondiale si vince con i punti e i piazzamenti oltre che con le vittorie. E prenderne nella giornata più nera con una concorrenza così variegata è tutto oro che cola.

Sauber Ferrari 7  Provano a riprendere una gara nata male con le strategie ma funziona solo con un pilota il passo verso il podio più alto e molto lento.

Redbull Renault 7  Una pista vera e tornano i guai. Per fortuna che hanno il campione del mondo che si ricorda di esserelo e una squadra che comunque reagisce anche in corsa provandoci fino alla fine.

Ferrari 7 La macchina è migliorata?…o Alonso che ha fatto una grande gara?….visto le prestazioni di Massa non vorremmo che si ripetessero le attese del dopo Silverstone 2011 poi disattese nel resto della stagione.

Force India Mercedes 6  Su una pista che la vedeva favorita ma fanno fatica a raggiungere la zona punti. Serve una svolta la macchina non cresce.

Mercedes 5 Siamo all’inizio della stagione europea e nonostante gli sforzi i problemi restano.

 

Pubblicità