Pubblicità

In realtà nessuno è riuscito a capire i reali valori in campo nel giovedì di libere a Montecarlo. Complice una pioggia che ha stravolto i piani di tutte le squadre, le fondamentali qualifiche verranno affrontate con molti dubbi e soprattutto tantissimo lavoro da concludere tutto nella FP3 prevista domani mattina. Comunque in casa Ferrari vi è un cauto ottimismo grazie alla prima posizione ottenuto da Alonso praticamente al primo contatto diretto con il tortuoso circuito del Principato, sia per un Massa finalmente in linea con i migliori e vicino al compagno di squadra: “Direi che le prime sensazioni sono piuttosto positive: tutto sembra rispondere alle nostre aspettative” afferma proprio Fernando “Abbiamo fatto soltanto alcune piccole modifiche sull’assetto cercando di migliorarlo ma è ovviamente presto per trarre delle conclusioni. Diciamo che abbiamo iniziato il fine settimana col piede giusto: ora vediamo di continuare su questa strada

Gli fa eco Felipe, finalmente lontano da problemi di set-up e scarsa confidenza con la vettura: “La vettura mi è sembrata a posto sin dall’inizio della prima sessione, con un buon bilanciamento in ogni condizione e con una trazione leggermente migliore delle nostre aspettative. Anche quando abbiamo girato con le Intermedie nella parte finale della seconda sessione le sensazioni sono rimaste tutte positive. Certo, resta sempre molto lavoro da fare per affinare tutte le regolazioni dell’assetto ma per questo obiettivo abbiamo anche un giorno in più per pensare a cosa fare per migliorarlo. E’ difficile fare dei pronostici per le qualifiche e, ancora di più, per la gara ma sicuramente è stato un primo giorno di prove libere da giudicare positivamente” L’obbiettivo è quello di conferma il tutto anche quando il gioco comincerà a farsi duro, tenendo salde le prime posizioni della tabella dei tempi.

Neppure l’asfalto bagnato è relativa perdita di tempo ai box ha creato confusione tra gli uomini in rosso, positivi e addirittura ottimisti: “Praticamente tutti sono nella nostra condizione, quindi non c’è nessuno svantaggio relativo” Analizza col sorriso Pat Fry “Chiaro che avremo dei dati in meno a disposizione per definire la miglior strategia per la gara di domenica: servirà un po’ più d’improvvisazione e bisognerà essere ancora più pronti a reagire ad ogni evenienza. Non abbiamo avuto problemi di sorta sulle due vetture, il che è sempre positivo su un tracciato come questo” Non è un segreto che l’obbiettivo sia il podio se non vittoria, confermando il passo in avanti mostrato a Barcellona e consentendo ad Alonso di continuare la sua lotta iridata fronteggiando alla pari Red Bull e Mclaren. Ancora poche ora e poi sarà la pista a dare conferma oppure difficile delusioni. Nessuno escluso.

Riccardo Cangini

Pubblicità