Pubblicità

Ancora una volta i fatti di cronaca si mescolano, almeno in parte, con quello del mondo della Formula uno. Il secondo terremoto che ha fortemente colpito l’Emilia e la sua popolazione ha avuto epicentro nei pressi di Modena, interessando quindi sia la fabbrica di Maranello che anche quella della Ducati a Borgo Panigale. Per entrambi nessun danno e feriti, ma per via precauzionale le attività all’interno degli edifici sono state tutte sospese per la giornata di oggi. In particolare nella sede della Ferrari si stava già preparando tutto il necessario per la trasferta in Canada, con prove al simulatore per il giovane Davide Rigon e Fernando Alonso. Lo spagnolo ha confermato via twitter di aver percepito la forte scosse, interrompendo subito il lavoro: “Dopo il terremoto il team ha deciso di fermare le attività, quindi ora torniamo tutti a casa”

Ovviamente tutti gli uomini in rosso sono vicini ai cittadini colpiti dall’evento, con Stefano Domenicali e i tecnici del cavallino rampante: “…vicini a tutte le famiglie e alle persone che vivono qui vicino per questo momento difficile” si legge in una nota rilasciata sul social network di Twitter. Stessa identica situazione anche per la Ducati, intenzionata a riaprire cancelli e lavoro già dalla giornata di domani precisando che il materiale destinato al prossimo Gp di Barcellona per quanto riguarda il team della MotoGP non si è in alcun modo danneggiato. Anche la situazione coi fornitori pare essere sotto controllo, quindi anche la produzione non dovrebbe essere in alcun modo ostacolata. Delle piccole notizie positive in uno scenario davvero difficile per l’Italia intera.

Riccardo Cangini

Pubblicità

2 COMMENTS

  1. Chissà adesso per quanti anni tutte quelle persone rimarranno sfollate!!!!!!!!

  2. Spero che vengabo stanziati i fondi per la ricostruzione senza pensare troppo a ció che c’era. I centri storici ormai mezzi distrutti vanno azzerati e rifatti, inutile sperare di risistemare costruzioni di secoli fa perche non si rimetterebbero piu in sicurezza….
    Guarda L’Aquila…. li andrebbe rasato a zero tutto e ricostruito…soldi permettendo….

Comments are closed.