Pubblicità

Dopo il performance balance a cui sono state sottoposte le vetture soprattutto Audi A5, al Mugello è andato in scena un altro appuntamento della bella serie che vede correre le berline di lusso 4 porte con V8. A primeggiare nella gara 1 è stato Andrea Larini fratello dell’ex di formula 1 che sopravvissuto alla tremenda carambola del primo giro ha portato alla vittoria la Mercedes con la Classe C63 AMG. In gara 2 invece spettacolare l’affermazione di Francesco Sini con la Chevrolet Lumina la seconda da Kyalami 2010.

In gara 1 alla partenza alla San Donato un incredibile carambola metteva fuori gara Thomas Biagi, oltre a Camilo Zurcher, Sandro Bettini, Gianni Morbidelli e Andrea Boff, mentre Larini anche lui coinvolto ne usciva abbastanza bene da portare la sua Mercedes alla vittoria finale, nonostante paraurti e scarico penzolanti dopo l’incidente. Il pilota della Mercedes ha comque dovuto difendersi dagli attacchi della Maserati di Johnny Herbert. Podio anche per la BMW di Stefano Gabellini.

In gara due Francesco Sini approfittava della possibilità offerta dalla partenza a griglia invertita per i primi 8 in gara due per portarsi al comando e tenere il ritmo fino alla fine vincendo la gara e regalando il primo successo alla Chevrolet. Solo nel finale le BMW di Gabellini e Biagi si facevano sotto con quest’ultimo autore di una grandissima gara considerando la partenza dal fondo dello schieramento.

Il leader di campionato lo svedese Johan Kristofferson ha  limitate i danni dopo che la sua Audi è stata appesantita di 100kg. Lo svedese chiude il weekend sul tracciato toscano con un quarto ed un settimo posto che lo tengono saldamente al comando della classifica con 16 lunghezze di vantaggio su Biagi e 19 su Vitantonio Liuzzi, oggi quinto in entrambe le manche con la sua Mercedes.

Pubblicità