Pubblicità

Il pilota palermitano, punta di diamante della nuova realtà Happy Racer by GDL, si esalta nell’appuntamento andato in scena lo scorso fine settimana all’Autodromo del Mugello. Una vittoria nella manche finale, anticipata da un ottimo terzo gradino del podio in Gara 1, regala a Vittorio Bagnasco la leadership nella classifica generale della GTS Cup. Punti importanti anche per Max Pigoli, sesto in Gara 1 nella “Superstars” e per Fulvio Florean, alle note di Andrea Sala al Rally Prealpi Orobiche.

“Meglio di così non poteva andare, sono estremamente soddisfatto di questa prima vittoria stagionale”. Non lasciano spazio ad equivoci le parole esternate da Vittorio Bagnasco al termine dell’appuntamento di International GT Sprint andato in scena all’Autodromo del Mugello. Il pilota palermitano, portacolori della nuova e brillante realtà Happy Racer by GDL, è riuscito a concretizzare le ambizioni riposte nelle potenzialità espresse da un binomio di elevata tecnica: quelità velocistiche del pilota e massima affidabilità da parte del team. Il tutto impreziosito dalle linee vincenti della Porsche 997.

Un quarto miglior tempo fatto registrare nella sessione di qualifica, così era iniziata l’avventura toscana del pilota isolano. Una quarta posizione nella griglia di partenza che ha proiettato Vittorio Bagnasco sul terzo gradino del podio finale, grazie ad una performance che lo ha visto amministrare nella prima parte di manche per poi recuperare e “sferrare l’attacco” in quella finale. Una tattica che ha pagato, regalando all’alfiere gialloblu un podio che si è rivelato prelibato aperitivo di una seconda sessione agonistica decisamente entusiasmante.

Un attacco deciso, sui chilometri di Gara 2. Potenzialità e decisione che hanno portato alla vittoria ed all’insediamento della prima posizione nella classifica generale di GTS Cup Trophy, in un contesto congeniale alle vetture griffate Ferrari. Proiezioni favorevoli evidenziate anche in ottica assoluta, con una decima posizione in Gara 1 ed una settima in Gara 2.

Per Vittorio Bagnasco, adesso, è il momento di concentrare energie mentali e fisiche in vista del prossimo appuntamento dell’ultimo weekend di giugno, sui chilometri dell’Hungaroring di Budapest. Per “allungare” quel vantaggio di tre punti in classifica che sta assecondando le rosee aspettative di inizio stagione.

Punti importanti anche per gli altri “primi attori” del sodalizio torinese, schierati in campo nel fine settimana agonistico. Quelli conseguiti da Max Pigoli, sul sedile della Jaguar XF-R del Team Ferlito nel contesto dell’International Superstars Series. Una sesta piazza in Gara 1, estremamente positiva in virtù di una bagarre che ha puntato i propri riflettori sulla partenza, caratterizzata da spettacolari carambole che hanno messo fuori causa ben cinque vetture.

Un contatto con la Mercedes di Andrea Larini, invece, ha vanificato i presupposti della manche finale, chiudendo anticipatamente la parentesi toscana della Superstars. Sette i punti conquistati, un bagaglio importante viste le complicazioni del fine settimana sportivo. Ulteriore stimolo in vista dell’appuntamento dell’Hungaroring.

Qualche punto anche per Fulvio Florean, reduce da un fine settimana che lo ha visto ancora al fianco di Andrea Sala al Rally Prealpi Orobiche, valido per l’International Rally Cup e per il Trofeo Renault Clio R3.

Una gara incolore, così è stata definita dall’esperto copilota savonese, dove le “geometrie” della duemila d’oltralpe mal si sono accostate all’asciutta cornice della gara organizzata da Giesse Promotion. Una sesta posizione di classe finale che grida vendetta e che proietta anticipatamente l’interesse di Fulvio Florean verso il prossimo appuntamento in programma, il Rally del Casentino del 13-14 luglio.

Pubblicità