Pubblicità

Nonostante l’accanimento della Fia,  giusto o sbagliano non siamo noi a discuterlo, la Redbull con la sua RB8 è in pole con il campione del mondo Sebastian Vettel. Quello che vogliamo mostrare ai nostri lettori è una foto in cui si vede la Redbull RB8 intenta nelle sessioni di libere, a fare verifiche aerodinamiche con una strana impalcatura che contiene una serie di sensori sulla fiancata sinistra. L’eliminazione dei fori nel fondo piatto, e di quelli nella presa d’aria dei freni non ha frenato il genio di Adrian Newey che dimostrando ancora una volta una meticolosa cura per il dettaglio, in questo caso con ogni probabilità stava valutando la forma e la velocità del fusso di aria che passando sopra la fiancata poi lambisce l’ala posteriore.

Da notare il dettaglio di non poco conto che mostra coma la parte superiore della griglia di sensori non è lineare ma ha la stessa forma che dovrebbe avere il flusso aria al di sopra della fiancata. I dati rilevati vengono inviati attraverso un cavo a fibra ottica in quella specie di bulbo nero ai lati del abitacolo dove dovrebbe esserci la centralina elaborazione dati. Siccome la precisione non è mai abbastanza, e il flusso aria è sempre molto instabile per capire cosa succede all’ala posteriore, la parte bassa della stessa è stata verniciata con un verde acceso che dovrebbe mostrare chiaramente come le linee di flusso si comportano su una delle parti più importanti dell’ala posteriore.

Pubblicità

15 COMMENTS

  1. La fantasia non ha limiti…. pazzesco cosa si inventano, robe da masturbazione mentale!!! 😀

  2. Ho perfino il sospetto che il colorante esca da quella griglia e si depositi sulla coda secondo le linee di flusso. Che non sia, cioè, una verniciatura fatta ai box. Puoi confermare, Shadow?

  3. Non posso confermare anche perche non avrebbe senso ne credo che quei sensori abbiano spazio per contenere vernice.
    Considera che una vernice per quanto polverizzata è sempre più pesante dell’aria quindi non garantirebbe lo stesso andamento del flusso…In galleria del vento si usa per fare quello che tu hai sagacemente indicato del fumo…che ha una densità molto simile ma almeno che non hai degli emettitori tipo frecce tricolore e non vuoi far vadere a tutti quello che hai ideato non avrebbe senso in f1 almeno che tu non viva di pippe mentali come Newey!

  4. non tu non mi permetterei mai…scusa se sono stato frainteso ma mi riferivo a Newey e gli altri arodinamici…comunque ne senso buono del termine saresti i ottima compagnia fra me e un altro paio di personaggi di questo blog…c’è ne sono di pipparoli!

  5. Non e’ che hanno messo una specie di vernice verde non solida che invece con il passaggio dell’aria si deforma e segue i filetti ?

  6. Aseb è semplicemente una vernice fresca di consistenza molto morbida che reagisce alle flusso di aria generando delle line e dei solchi….c’è una di un tipo diverso che usa sia la ferrari che la mclaren che reagisce con il calore cambiando colore.
    Io posso portare il mio modestissimo contributo quando ho progettato la mia prima ed unica ala…per le verifiche di carico spruzzammo della vernice fresca e con la testa fuori dal tettucio dell’auto vedevamo a mo di camera sulla tangenziale come andava l’aria…ma non paghi mettemmo dei filetti di lana su tutta l’ala e le paratie per capire dove c’erano i vortici e dove andasse lineare il flusso….VE LO DICEVO COME COME PIPPAROLO NON MI BATTE NESSUNO!

  7. Hahaha, e pensare che credevo di essere il solo a montare accrocchi impossibili per vedere il vento che scorre sulle vele in barca e modificarle di conseguenza! 😆

Comments are closed.