Pubblicità

Senza quel testacoda arrivato poco dopo un riuscito sorpasso a Rosberg, probabilmente Felipe Masa si presenterebbe a Valencia con già due risultati in positivo dopo un avvio di stagione praticamente disastroso. E’ da Monaco che il brasiliano pare essere riuscito a trovare sorriso e feeling con la monoposto, possibile grazie ad un deciso passo in avanti compiuto dall’equilibrio aerodinamico della F2012 da Barcellona in poi, proprio come Tombazis ha ammesso. Una base finalmente buona ove poter ricostruire le proprie quotazioni e valore all’interno del circus della massima formula: “E’ vero, ora sono molto più felice, perché posso guidare la F2012 come mi piace. E quando questo accade naturalmente ti senti bene. Certamente tutte le modifiche e gli aggiornamenti introdotti sulla vettura hanno aiutato, ma è stato importante anche il modo in cui ho lavorato sul set-up insieme ai miei ingegneri: abbiamo cambiato molte cose in termini di bilanciamento e trovato una direzione che mi si addice

Finalmente dunque il cavallino può disporre di due piloti in grado di puntare alle posizioni di testa. Tolto un Alonso incredibile per capacità ed efficienza in qualsiasi condizione, anche Felipe può conquistare punti vitale per la scuderia grazie ad un ottimo talento ed una esperienza ormai decennale nella Formula uno. D’altronde stiamo sempre parlando di un pilota capace di giocarsi il titolo del 2008 sino all’ultima curva contro Lewis Hamilton. Il segreto è stato quello di discostarsi dal lavoro portato avanti dal compagno di squadra: “Stiamo andando in una direzione diversa rispetto al mio compagno di squadra, anche se non del tutto. Ciascun pilota ha il suo stile, un suo modo di tenere il volante o di utilizzare il pedale dell’acceleratore, e se non si sente a suo agio per qualche ragione questo non aiuta” Inoltre si aggiungono “…molti elementi diversi rispetto all’inizio della stagione, quando eravamo ben lontani dagli attuali progressi. Nelle ultime tre gare le cose hanno iniziato ad andare nella direzione giusta, perché ad un buon livello di sviluppo ha fatto seguito un miglioramento netto in termini di performance. Come accaduto a Barcellona, Monaco e in Canada anche qui e per le prossime gare ci saranno altri aggiornamenti e mi aspetto che la tendenza al miglioramento prosegua nel suo cammino

Una speranza che può portare benefici sia nell’immediato che in un futuro prossimo. Il contratto con Maranello scadrà infatti alla fine di questa stagione e poche squadre possono permettere garanzie e stabilità come quella di Maranello. L’obbiettivo del brasiliano ovviamente è il rinnovo, anche se per ottenerlo bisognerà non solo protrarre questo periodo positivo sino alla fine del calendario, ma battere una spietata e giovane concorrenza con Sergio Perez nelle vesti del nuovo che avanza inesorabilmente. Intanto Fernando Alonso, intervistato su questo argomento, ha parole di elogio per il suo attuale compagno di box: “Ora Felipe ha più fiducia nella macchina, grazie alle novità che il team ha introdotto. Questo significa che d’ora in poi dovremmo essere entrambi competitivi. All’interno del team abbiamo sempre lo abbiamo sempre supportato e ora mi aspetto che potremo essere entrambi nelle prime posizioni nella seconda parte di stagione. In ogni caso, chiunque dovesse mai arrivare, nel caso, qualcuno qui in Ferrari rimpiangerà Massa” Mercato dunque tutt’altro che deciso. Sarà la pista, come sempre, a decidere.

Riccardo Cangini

Pubblicità