Pubblicità

Alla fine la FIA ha deciso di non sanzionare la Red Bull Racing. Sebastian Vettel e Mark Webber saranno quindi regolarmente in griglia al via del Gp di Germania che scatterà tra pochi minuti. Il commissari sportivi però non sono per nulla convinti della assoluta “innocenza” del team campione del mondo, con Christian Horner e Adrian Newey non in grado di dipanare tutti i dubbi e critiche attraverso le loro spiegazioni. La Federazione infatti ha deciso di non intervenire perchè il regolamento sarebbe “scritto male”: per come è steso il testo le speciali mappature del motore Renault non sarebbero in conflitto con l’articolo 5.5.3 del regolamento tecnico, ma è evidente che la soluzione adottata dal team austriaco è completamente fuori dallo spirito della norma.

Siamo dunque di fronte al preludio di un nuovo clima teso e velenoso all’interno del paddock più famoso dell’autosport. Le due RB8 saranno al loro posto in seconda e ottava posizione nello schieramento di partenza, ma la questione avrà certamente dei risvolti regolamentari e giuridici, con le altre squadre del circus pronte a dichiarare guerra se la situazione non verrà chiarita e soprattutto risolta. La Federazione dunque dovrà intervenire sulla parte di articolo oggi incriminata, mentre la Red Bull stessa avrà la possibilità di presentare un esposto nel caso la situazione mutasse a sua sfavore. Situazione rovente in pista e fuori.

Riccardo Cangini

Pubblicità

1 COMMENT

  1. Riccardo, quando avete tempo e voglia, potreste approfondire il discorso dal lato tecnico? Grazie!
    (Se ho capito bene, si tratta di una specie di “controllo elettronico” dell’acceleratore, fatto non per migliorare la trazione, quanto per regolare lo scarico del motore ai medi regimi e ottenere cosi’ i vantaggi aereodinamici del soffio costante delle emissioni combuste)

Comments are closed.