Pubblicità

Dopo aver fatto scuola con la posizione e la forma degli scarichi, in Germania la Mclaren ha deciso di tentare di correre ai ripari per l’improvvisa mancanza di competitività di inizio stagione modificando la zona delle fiancate e degli scarichi posteriori come si vede nelle foto. Non si sa bene quanto di queste modifiche siano state artefici del ritorno delle vetture d’ argento nelle prime posizioni, questo verrà verificato come per le altre squadre nelle gare successive. Sta di fatto che da quando hanno usato questa nuova configurazione le vetture inglesi hanno consentito a Button di avere una vettura dal comportamento più omogeneo e prevedibile.

La modifica più importante è stata quella della fiancata laterale nella zona posteriore,  ora molto più rastremata e con una più ampio deflusso di aria verso il diffusore posteriore. Inoltre dietro gli scarichi ci sono delle feritoie copiate pari pari da quelle presenti nelle Ferrari. Ancora il condotto di scarico ora è più inclinato verso il basso una sorta di via di mezzo tra la vecchia soluzione e il sistema Redbull anche questa tremendamente simile alle rosse,  che invia più aria nella parte inferiore dell’estrattore lavorando in simbiosi con la maggiore aria fredda che viene dalla nuova fiancata. Ultima modifica sono le alette nella parte bassa dell’alettone posteriore per aiutare il deflusso di aria dall’estrattore posteriore.

La cosa veramente curiosa è che la Ferrari a suo tempo copiò il sistema Maclaren modificandolo,  e ora la Mclaren fa lo stesso con le modifiche Ferrari, il tutto all’insegna di una incertezza progettuale di fondo che accomuna tutte le squadre che non fanno altro che marcarsi a vicenda.

Pubblicità

2 COMMENTS

  1. Grazie all’autore del post, hai detto delle cose davvero giuste. Spero di vedere presto altri post del genere, intanto mi salvo il blog trai preferiti.

  2. Grazie Leonardo. In effetti tentiamo con la nostra sezione tecnica di rendere una F1 comprensibile a tutti gli appassionati. Se dai un sbirciata al blog ne troverai altri anche molto recenti di articoli come questo.

Comments are closed.