Pubblicità

La tregua è durata solamente una sessione. Già nel primo pomeriggio la pioggia è tornata a rovinare i piani della Formula 1 con un violento acquazzone abbattutosi sull’Hungaroring a metà sessione. Un classico temporale estivo, tanto intenso quanto di breve durata, permettendo ai piloti di valutare il tracciato ungherese sia con le gomme da bagnato che con quelle intermedie. Per quanto riguarda i tempi si prendono in considerazione ovviamente quelli antecedenti allo scroscio d’acqua, con Lewis Hamilton per la seconda volta davanti a tutti grazia al crono di 1’21″995, migliore prestazione ottenuta con gomme soft. Rispetto alla prima sessione però la concorrenza si è avvicinata, a partire da Kimi Raikkonen secondo a poco meno di due decimi. Stupisce l’ottimo terzo tempo di Bruno Senna, parso molto a posto con la sua Williams sul giro secco.

Positiva anche la prestazione della Ferrari. Felipe Massa e Fernando Alonso chiudono rispettivamente in quarta e quinta posizione, in grado addirittura di rimanere per diversi minuti nelle prime due posizioni della classifica. La F2012 continua a dare segnali positivi ai tecnici in rosso, passo fondamentale per vivere un altro fine settimana da protagonisti. Sesto Jenson Button davanti a Paul di Resta ed un Sebastian Vettel in crescita rispetto alla prima sessione. Il campione del mondo resta lontano dai primi ma rimane la netta impressione che la Red Bull non abbia voluto forzare il ritmo (Webber addirittura è 14°). La Top-ten si completa con Romain Grosjean e Michael Schumacher, entrambi protagonisti di leggere toccate contro le protezioni. Il francese ha danneggiato l’ala anteriore della Lotus in condizioni di asciutto, mentre il sette volte campione del mondo ha concluso la sua sessione nella via di fuga della curva 12 a pioggia battente. Segue classifica tempi FP2.

1. Lewis Hamilton – McLaren-Mercedes – 1’21″995 – 20 giri
2. Kimi Raikkonen – Lotus-Renault – 1’22″180 – 203426
4. Felipe Massa – Ferrari – 1’22″417 – 29
5. Fernando Alonso – Ferrari – 1’22″582 – 22
6. Jenson Button – McLaren-Mercedes – 1’22″747 – 17
7. Paul di Resta – Force India-Mercedes – 1’22″794 – 23
8. Sebastian Vettel – Red Bull-Renault – 1’22″824 – 18
9. Romain Grosjean – Lotus-Renault – 1’22″922 – 12
10. Michael Schumacher – Mercedes – 1’23″160 – 19
11. Nico Rosberg – Mercedes – 1’23″164 – 29
12. Pastor Maldonado – Williams-Renault – 1’23″337 – 26
13. Nico Hulkenberg – Force India-Mercedes – 1’23″713 – 26
14. Mark Webber – Red Bull-Renault – 1’23″814 – 17
15. Kamui Kobayashi – Sauber-Ferrari – 1’23″841 – 28
16. Jean-Eric Vergne – Toro Rosso-Ferrari – 1’24″328 – 25
17. Daniel Ricciardo – Toro Rosso-Ferrari – 1’24″345 – 28
18. Sergio Perez – Sauber-Ferrari – 1’24″623 – 23
19. Vitaly Petrov – Caterham-Renault – 1’24″823 – 30
20. Heikki Kovalainen – Caterham-Renault – 1’25″220 – 30
21. Timo Glock – Marussia-Cosworth – 1’27″104 – 28
22. Pedro de la Rosa – HRT-Cosworth – 1’27″106 – 19
23. Charles Pic – Marussia-Cosworth – 1’27″185 – 24
24. Narain Karthikeyan – HRT-Cosworth – 1’27″822 – 20

Riccardo Cangini

Pubblicità