Pubblicità

E’ sapere comune che la Ferrari non sta forzando i tempi con il rinnovo di Felipe Massa. Il contratto del brasiliano prevedeva una opzione a favore della squadra, sbloccando un’altro anno di collaborazione. Ma il team ha lasciato scadere questa possibilità, permettendo quindi il proseguo dell’avventura in rosso del suo seconda pilota solamente con la stesura di un nuovo accordo. E a Budapest sono prontamente tornate le più disparate e pazze voci di mercato. In primis Sergio Perez, ovviamente ansioso di vestire la tuta rossa e per nulla intimorito dalla convivenza con uno del calibro di Alonso , poi Jenson Button (catalogate come idiozie per Martin Whitmarsh) ed infine è spuntato anche il nome di Kimi Raikkonen. Uno scenario interessante, con iceman di ritorno da quella stessa squadra che non si era fatta scrupoli nel 2009, pagando suon di milioni pur di rescindere il contratti di Kimi e lasciare il posto a Fernando. Ora invece il “ritorno al passato”, proprio a fianco del campione spagnolo.

Lo stesso interessato risponde con frasi di circostanza all’argomento: “La vita va avanti e non si sa mai quello che può accadere in futuro” Quindi Kimi potrebbe davvero tornare sotto il simbolo del cavallino rampante? Per Eric Boullier, team-principal Lotus, decisamente no: “Ci sono sempre molte voci. Penso che Kimi sia felice qui alla Lotus. E non credo che la sua esperienza alla Ferrari sia stata delle migliori” dichiara all’emittente MTV3: “Qui con Grosjean è sicuramente più facile rispetto ad un confronto con Alonso. Non vedo perché Kimi dovrebbe voler fare il secondo pilota alla Ferrari quando ha la chance di essere il numero 1 qui”. Intanto per Stefano Domenicali, dopo la gara di ieri, non nasconde la sua ammirazione: “Raikkonen? L’ho sempre ritenuto un pilota molto speciale”. In F1 nulla è davvero impossibile, ma per adesso oltre al fanta-mercato non si riesce ad andare.

Riccardo Cangini

Pubblicità