Neanche lui sa con esattezza il perché il suo nome viene così tante volte messo a fianco della Ferrari: “Davvero non so perché le voci si siano concentrate su di me”  Eppure da quando il cavallino ha deciso di far scadere il contratto con Felipe Massa non si è fatto altro che ipotizzare Jenson Button al fianco di Fernando Alonso, costruendo un team sinonimo di solidità, costanza e soprattutto punti iridati. L’inglese però ha un accordo con la Mclaren certamente valevole per l’anno venturo e l’idea di condividere il box con l’asso spagnolo non è che lo esalti più di tanto: “In un universo parallelo, sarei felice di lavorare con lui. Sarebbe difficile ma è sempre interessante avere accanto qualcuno così duro, così intelligente. Lo ammiro come ho ammirato Alain Prost: ha creato una grande atmosfera attorno a lui, con molte ottime persone. Mi dispiace per Felipe, ma penso che Fernando abbia l’intero team attorno a lui

Quindi Maranello non è attualmente nei piani dell’iridato del 2009, intenzionato a fare bene con la sua attuale squadra: “Penso che se guardate la McLaren vedrete un team che ha ottenuto tanto. E se guardate il team rosso, vedrete la stessa cosa. Gli italiani hanno passione per lo sport, soprattutto peri l motor sport, ma la McLaren è il posto migliore per me al momento. Tuttavia, come ho sempre detto, mai dire mai” E poi vi sono ancora dei sogni da rendere reali: “Ho ancora molte ambizioni riguardanti la F1. Un altro campionato sarebbe un traguardo fantastico. Inoltre prima di ritirarmi mi piacerebbe correre in un Gran Premio a Londra. Bernie Ecclestone sta cercando di realizzare quest’idea e Boris Johnson (politico inglese) sembra d’accordo” Titolo e una gara nella sua capitale, per poi chiudere con la massima formula. Con quale tuta tagliare questi obbiettivi lo si vedrà in un secondo momento.

Riccardo Cangini