Pubblicità

Dopo l’ufficializzazione della firma di Andrea Dovizioso per salire sulla Ducati D16 per le prossime due stagioni, ora va affrontato il problema dell’organizzazione interna del Team Ducati. Dovizioso farà coppia con il veterano della Rossa Nicky Hayden, che ha una grande esperienza sulla moto di Borgo Panigale e ha dovuto convivere sempre con piloti di un certo carisma (prima Stoner e poi Rossi).

All’interno del Team Ducati però dovranno decidere: sarà Dovizioso la prima guida? Chi si assumerà la responsabilità dello sviluppo della moto? Ascolteranno e reagiranno alle richieste dei piloti? Il forlivese è un ottimo collaudatore, molto sensibile e lavora sodo e quindi potrebbe essere un’ottima fonte di informazioni per il team.

E anche su Dovizioso bisogna farsi qualche domanda perché Hayden ha sempre fatto la seconda guida (vincendo un mondiale in condizioni sfavorevoli in squadra) e da lui nessuno si è mai aspettato di più. Ma Andrea avrà la capacità di assumersi le responsabilità della prima guida? Di colui che deve tirare il carretto?

Dovizioso, per sua stessa ammissione, è un pilota veloce e consistente ma è ancora senza quello step che lo porterebbe insieme ai migliori della classe.

Inoltre cosa fa pensare ad Andrea che la Ducati ascolterà le sue richieste dopo che a Borgo Panigale è naufragato il tanto sbandierato progetto Rossi?

Personalmente, a meno che Audi non metta mano pesantemente allo staff di tecnici per rivoluzionare il progetto Desmo16, fatico a pensare ad una svolta radicale nel giro di pochi mesi e ho paura che il Dovi rischi di fare la fine di Melandri. Spero almeno prenda abbastanza di ingaggio.

Pubblicità

28 COMMENTS

  1. Per tirare il carretto bisogna perlomeno metterci un gancio…..
    Altrimenti rimane fermo dov’è

  2. La cifra iniziale era 5 milioni in 2 anni ma credo che il Dovi abbia fatto rilanciare di qualcosa dopo un altro podio 😉 eheh spero per lui, cmq i soldi che risparmiano senza Rossi sono pronti da investire !
    Il Dovi è molto più umile e pronto a investire tempo perchè per lui è una prima guida, e l’ultima forse, la sfida di vincere dove Valentino non ce l’ha fatta secondo me gli fa una gola pazzesca, i tedeschi interverranno con calma e lui farà altrettanto senza arroganza… cercheranno di capire, investire e migliorare. Tanto di rispetto alla piccola casa rossa di Panigale che ormai tanto piccola non è più.
    Ma la squadra del Dovi sarà quella di Stoner ? Sarebbe un primo mattone..

  3. Come ha giustamente scritto recentemente su twitter, D.Noyes direttore di motomatters, fare una SBK vincente non ha niente a che vedere col fare una MotoGP valida.

    La AUDI-Ducati deve trovarsi un ingegnere con notevoli capacitá di progettazione che si basi sulle funzionalita’ delle gomme Bridgestone, oppure sviluppare un prototipo in condizione di adattarcisi rapidamente, una strada o l’altra portano entrambe a delle competenze specifiche che ovviamente in Ducati dal 2008 in poi non esistono, mi auguro chge non si focalizzino sul rifare il motore ma cominciono a pensare in termini di centrature.

    Fursawa ha parlato a lungo in Ducati spero che abbiano registrato quello che ha detto loro. Nel colloquio con l’ing Preziosi quest’ultimo ha fatto intervenire uno dei progettisti del telaio della Desmosedici speriamo abbia capito quello che Fursawa stava spiegando come filosofia di impostazione, cioe’ il concetto dei tre punti del triangolo e i punti di contatto con il suolo.

  4. Come scrivi nel tuo ultimo pensiero, tutto dipenderà da Audi.
    Da quanta autonomia lascerà a Ducati.
    Onestamente io spero che prenda in mano la situazione il gruppo tedesco, in caso contrario prevedo il futuro biennio 2013/14 sullo stesso andazzo di quello in corso (2011/12).

  5. Leggo ora su GP One:

    ” Dovizioso non ha uno staff tecnico di fiducia come Rossi, e per lui si vocifera di un rientro in Ducati di alcuni dei tecnici italiani di Stoner, che già nel 2007 portarono la Desmosedici al successo. L’importante sarà trovare una sinergia con il già esistente reparto corse, cosa mai accaduta a Rossi ed alla sua equipe prevalentemente australiana.”

  6. io credo in Dovi che è un grande lavoratore, son sicuro che con le sue doti fara meglio di Melandri e di Rossi in Ducati, ci scommetto fin d’adesso.

  7. Terra anche io ci scommetto ! il fatto di adattarsi anche ai meccanici che trova saranno altri punti a suo favore

  8. Riki, la Ducati non ha sborsato soldi, li ha presi dalla Malboro per gli sviluppi e pure tanti, il contratto di VR era fra lui e la Philip Morris che pagava tutto, quindi lo sposor pagava il pilota, e lo prestava alla Ducati.

    In più all’ arrrivo di VR la Ducati ha anche sfruttato un certo numero di sponsors che facevano la fila a Borgo Panigale.

  9. ciao Aseb, faresti carte false x difendere il figliol prodigo.

    intanto non so se la PMvisto il fallimento continuera a pagarlo.

    😉 😉 😉

  10. Capisco, beh non c’è da meravigliarsi intorno a quell’uomo gira una quantità di denaro pazzesca ! Ok niente risparmio cmq Audi il portafoglio c’è l’ha a fisarmonica 😉
    Secondo me hanno già un piano per magiare mercato a Yamaha e Honda con gli sputer a 4 cerchi ..forza Dovi ti aspettano un botto di Km !

  11. Dichiarazioni di Del Torchio:

    “Eravamo partiti 2 anni fa con grandi aspettative, arrivando da un 2010 dove nell’ultima gara Stoner aveva fatto la pole e II. Pensavamo solo di poter andare meglio. Purtroppo non è stato così.”
    “Testiamo nuovi piloti: Petrucci bene, Iannone bene. Nelle prossime 3-4 settimane decideremo come organizzare lo Junior Team”
    “Furusawa? Non voglio commentare. Ma questo non è stato un contatto dell’azienda”

  12. I tecnici di Stoner possono pure tornare,ma loro erano abituati a lavorare con un pilota di un certo livello,che faceva la differenza. Che volete che faccia il Dovi? Gli devono cambiare la moto totalmente,cosi com’è adesso è in contrasto col suo stile di guida. E poi basta con la cosa che lui è un gran collaudatore,dicevamo cosi anche di Rossi…. 😀 Tutto dipenderà da DucAudi,se avranno veramente voglia di investire e di cambiare le cose,non come in questi due anni che portano una forcella e un telaio soltanto 😀

  13. Aseb, colloqui come quello con Furusawa possono aprirti gli occhi sulle possibilità, dare forze a teorie sulle quali nutrivi dei dubbi oppure permetterti di evitare errori di fondo però poi per tradurle in azioni concrete ce ne vorrà. Io credo (temo) che anche se si facessero subito dei “rimpasti” importanti all’interno dello staff tecnico/progettuale i tempi sarebbero lo stesso lunghi, se poi, come penso Audi impiegherà almeno un anno a capire che questo passo è necessario, la vicenda si allungherà ulteriormente. Prevedo per il Dovi una carriera simile a quella di Capirossi, con diversi anni impiegati a portare ad alto livello la moto, poi forse arriverà l’occasione per lui come fu per Loris nel 2006 oppure un giovane arrembante che tornerà a vincere con una rossa tornata competitiva. Ma da qui a 4-5 anni di cose ne possono accadere …

  14. L’ho apppena tradotta e pubblicata per tutti. Il concetto del triangolo è quello che Federico sta spiegando articolo per articolo sulle centrature delle masse, peso e baricentro etc etc.

  15. Ma guarda che se facessero le cose giuste minime sulla GP 2011 sarebbe molto più guidabile da subito e nemmeno tanti soldi da spendere.

    Dopo di che avrebbero più tempo per pensare al futuro e sviluppare una MotoGP in modo funzionale corretto.

  16. Non voglio difendere Rossi, però anche se Dovi farà bene la situazione non è paragonabile:

    Rossi “finisce” quando Audi è appena entrata.

    Dovizioso “inizia” quando Audi è appena entrata.

    Aseb, Federico, Smeriglio hanno scritto una valnga di commenti sull’importanza del team, sopratutto del ruolo di un top-manager che diriga l’intero reparto corse (alla Furusawa, o alla Nakamoto per intenderci), perciò credo che tradure il confronto Doviziozo-Rossi con, se Dovi fa meglio è più bravo di lui (con condizioni tecnologiche diverse e sopratutto con maggiori possibilità di investire denaro) sarebbe un’equazione da “Uomini Primitivi”. Senò sembra che si da ragione ai redattori solo per essere simpatici. Bisogna dare i meriti giusti, al tema di Stoner del 2007, ai tecnici di Hayden, al team Pramac. Se Audi “compra” persone nuove (ingengeri e altri tecnici), porta avanti un piano di sviluppo che prevede aggiornamenti ogni tot. di tempo(in un tempo ravvicinato) cambia completamente l’organigramma e la metodologia di lavoro.

    Questo è tanto, riferito al discorso citato anche da altri utenti (moto+pilota+gomme).

    Comunque non si può che augurare il meglio a Dovi, speriamo che si tolgs qualche soddisfazione!

  17. Tu dici che tra tanti stravolgimenti e rifacimenti non ci hanno provato? Ci sono fonti “vicine” per poter dire questo con certezza?
    Possibile che le cose più semplici siano sfuggite a tutti?

  18. Unknow: se Dovi farà meglio (e me lo auguro) come diciamo da sempre come un mantra, sarà grazie al connubio di tecnici, piloti e materiali.

    Come è stato per tutti….vedremo….intanto la Audi….

Comments are closed.