Pubblicità

Nonostante un prblema tecnico nella prima giornata che gli ha fato perdere circa 20 minuti nella prima tappa, il francese veterano delle specialità Rally raid si messo a tirare a testa bassa attaccando da primo all’ultimo metro. Il su0 ritmo è risultato impossibile per gli avversari che si sono presi la bellezza di 10 minuti di distacco. A compensare la sua sfortuna nella prima giornata ci ha pensato la stessa sorte occorsa al pilota degli Emirati Arabi Uniti Al-MINI All4 Mutaiwei.

Secondo al traguardo il pilota ex moto Parick Sireyjol nel suo Buggy SMG. Il francese ha dimostrato grande fari play e di essere un vero gantlemen fermandosi ad aiutare il connazionale il giorno prima per poi dargli battaglia fino all’ultimo nella seconda tappa. Ora si trova al terzo posto in classifica generale dietro il pilota della Mini e il connazionale.

In ottica di miglioramento l’ Hummer H3 è Miroslav , considerando che lo stesso pilota nell’edizione 2011 del Faraoni nella seconda tappa era già fuori con la sua BMW X5 per un rovinoso incidente arrivare a partire per la terza è già un ottimo risultato al di là della posizione in classifica generale. Da segnalare la prova del Kazakistan Ardavichus Artur che con tre vetture su base Toyota HiLux sta partecipando alla categoria Africa Race Eco 2 con un team del Kazakistan.

 

Pubblicità