Pubblicità

RENAULT 

La Renault gioca il tutto per tutto per combattere la crisi del mercato dell’auto presentando la sua nuova edizione della vettura di punta di tutta la gamma. La nuova Clio. Questa nuova edizione della piccola di casa Renault si distingue per un design decisamente dalle liee forti che danno notevole risalto alla losanga simbolo della casa al centro del frontale, con una fiancate che mostrano linee particolari e indice di una muscolatura importante.  Anche il posteriore è stato disegnato con un occhio particolare al cliente sportivo.

Le motorizzazioni disponibili saranno a benzina e un diesel, il primo è il TCe da 0.9 litri sovralimentato e dotato di sistema Start&Stop con una potenza di 90 CV e una coppia massima di 135 Nm. I consumi sono pari a 4,5 l/100 km con emissioni di CO2 di 105 g/km. Il diesel è invece il dCi 90 da 1,5 litri con 90 CV e 220 Nm di coppia che consuma solo 3,4 litri/100 km, con emissioni pari a 90g/Km. A partire dal 2013 si aggiunge in listino un altro benzina, il quattro cilindri TCe da 1,2 litri turbo da 120 CV e 190 Nm di coppia, abbinato al cambio a doppia frizione EDC.

Oltre alla versione berlina si è potuto ammirare anche la versione RS della nuova Clio. Un gradito ritorno ad una tecnologia che ha fatto la storia delle piccola di casa Renault con l’adozione di motori Turbo di piccola cilindrata. Infatti si tratta di un 1.600 turbo da 200 CV,  sarà disponibile solo con carrozzeria 5 porte e cambio a doppia frizione.

Altre novità per la Renault è l’annuncio che si ridarà vita al glorioso marchio Alpine con tutta una gamma di prodotti dedicati, e l’introduzione sulla sica di quanto fatto dai colleghi di PSA di un marchio per la divisione di lusso del marchio denominato Initiale Paris.

NISSAN

La Nissa si presenta a Parigi con un SUV compatto dall’impatto ambientale pari a zero. Infatti dalla piattaforma della Leaf vettura compatta elettrica regolarmente in vendita i tecnici Nissan hanno creato il TeRRA.   Il prototipo utilizza tre motori elettrici integrati direttamente sulle ruote e alimentati da celle a idrogeno da 2,5 kW/l progettate dalla Nissan. Le ruote anteriori sono spinte dal propulsore elettrico QU che è lo stesso della Leaf, mentre quelle posteriori hanno un motore elettrico ciascuna per attivare la trazione integrale quando è necessario. La casa giapponese ha dichiarato di essere pronta alla produzione su larga scala di veicoli elettrici a celle a combustibile non appena saranno disponibili quantitativi sufficienti di idrogeno. Visto la vettura di base che ha dato vita a questo prototipo c’è da credere al management Nissan su una probabile commercializzazione.

Un altro prototipo studiato per la funzionalità urbana  è la terza edizione della PIVO denominata  Pivo 3. Si tratta di una piccola vetturetta da città che ha tutta una serie di elementi volti al confort e alla riduzione dello stress delle circolazioni caotiche delle grandi metropoli. Si tratta  uno studio di vettura elettrica urbana a tre posti. La particolarità di questa vetturetta sarebbe la capacità  di parcheggiare da sola, nel senso che il proprietario può scendere dall’auto dove meglio crede e lasciare alla Pivo 3 il compito di cercarsi un posto in un parcheggio apposito. Poi, sempre autonomamente, si ricarica in attesa che il proprietario la richiami con lo smartphone per farsi venire a prendere. Il tutto grazie alle 4 ruote sterzanti e ad un raggio di sterzata di soli 2.5 metri. Alzi la mano chi non ne vuole una!

La Nissan ha trovato il modo di far amare i SUV anche ai più ostici, quelli che non lo comprerebbero manco a minacce…infatti la casa giapponese ha portato a Parigi la sua versione NISMO del piccolo JUKE.  Si tratta delle versione umana con un motore da 1.6 litri turbo da 200 cv che equipaggerà anche la Clio RS, rispetto al mostro che la Nismo ha presentato da 545 cv sempre su base Juke-R con il motore della più potente GT-R e costruita solo su ordinazione.

 

DACIA

Novità anche per il marchio Low Cost del gruppo Renault. Inutile dire che con i venti di crisi del vecchio continente la Dacia cavalca l’onda con la rinnovata gamma dei suoi due modelli di punta con le nuove versioni della Logan (berlina tre volumi) e della sorella Sandero (berlina 2 volumi) inaugurano il nuovo corso stilistico della casa franco-rumena. Le due vetture hanno un nuovo disegno.  Dacia vuole creare un’identità di marca comune a tutti i modelli realizzati sulla piattaforma low-cost M0 utilizzata anche da Duster e Lodgy. Quest’anno Renault punta a vendere più di 1 milione di auto costruite sulla piattaforma M0. Le due vetture avranno anche motori più efficienti e attenti ai consumi tra cui il tre cilindri 900cc da 90cv e il 1.2 75cv.

 

Pubblicità