Pubblicità

HYUNDAI

La Hyundai presenta la I30 in versione sportiva 3 porte, in un ottica di rafforzamento della sua presenza nel importantissimo segmento “C” del mercato dell’auto in Europa. Questa versione tre porte è la massima espressione stilistica di quello che all’interno del marchio chiamano “Fluidic Sculpture”.    La I30 3 porte è caratterizzata da un design sportivo, le porte più ampie e la maggior superficie vetrata ne esaltano il profilo dinamico.

Come le sue sorelle, a 5 porte e SW è destinata unicamente al mercato europeo, è stata disegnata e progettata dal centro ricerche e sviluppo Hyundai di Russelsheim in Germania e sarà prodotta nello stabilimento di Nosovice in Repubblica Ceca a partire da dicembre. Quindi di coreano rimane solo l’acciaio di provenienza e la proprietà,  Andrà in vendita a inizio 2013, con l’obiettivo di rappresentare un 10% delle 120.000 i30 previste l’anno. Le motorizzazioni sono le stesse tre benzina e tre diesel, con cilindrata 1.4 e 1.6 e potenze variabili fra 90 e 135 cavalli.  Anche su questa vettura è sempre possibile impostare a proprio piacimento la risposta dello sterzo (Comfort, Normal, Sport) grazie alla presenza del dispositivo “Flex Steer”.

Santa Fe

Nonostante il mercato sia molto difficile per il Suv soprattutto nel nostro paese bersaglio di critica, e di una politica scellerata che vede i possessori di tali veicoli additati come inquinatori e potenziali evasori la Hyundai lancia a Parigi il nuovo sug alto di gamma con  dimensioni importanti come il Santa Fe.  Si tratta in fatti di un grande SUV (4,69 meri di lunghezza) dalle linee scultoree che esprime il nuovo concetto stilistico diverso da quello delle berline chiamato sta volta  “storm edge” e si ispira alla forza e al dinamismo della natura.  il Santa Fe comunque è  dal 2000, anno di lancio sul mercato, che vanta numeri da primato con 2,56 milioni delle prime due generazioni, di cui 380.000 in Europa e 38.000 in Italia. Con la terza generazione, Hyundai punta a conquistare il 5% del segmento europeo dei D-SUV quelli di segmento superiore.

Da punto di vista delle prestazioni è una vettura aggressiva più della versione  precedente, equipaggiata  con motori ad alta efficienza. Si tratta del  2.0 CRDi VGT a gasolio eroga 150 CV, e  il 2.2 CRDi R  che sviluppa una potenza massima di 197 CV. Disponibile anche un 2.4 benzina da 192 CV. Il Santa Fe di terza generazione viene proposta con trazione anteriore o con trazione integrale, ottenuta tramite un sistema T.O.D. (Torque-on-Demand), letteralmente coppia e trazione a richiesta in funzione delle condizioni del tracciato.

I20 WRC

Bellissima e spettacolare la versione WRC per il mondiale Rally della piccola di casa Hyundai. Nella speranza che non resti una show car e che dimostri la reale potenzialità della casa coerana nel mondiale dove si avverte la mancanza di un numero di costruttori che renda il giusto merito ad una categoria sempre palestra per lo sviluppo delle tecnologie per le vetture di serie.

KIA

Nuova Carens

La Kia costruttore del gruppo a cui fa capo la Hyundai, ma con una indipendenza progettuale e di idee che tengono a precisare presenta la nuova versione del suo multispazio di medie dimensioni a 5-7 posti. La  nuova Carens, Si tratta in pratica  di una diversa interpretazione di monovolume compatto che unisce un  inedito abbinamento di aspetto sportivo e spazio funzionale. Basata sulla piattaforma della  berlina Optima, il nuovo modello si presenta con un passo lungo, il tetto basso che ne accentua il dinamismo sportivo conservando comunque una grande abitabilità. La Carens, importata dalla Corea  a differenza delle sorelle del segmento “C” è  in vendita dalla primavera, sarà offerta in due varianti, a 5 e 7 posti, così da sostituire sia l’attuale Carens, sia il grande monovolume Carnival.

Come al solito la dotazione di questa monovolume è sempre di prim’ordine. L’abitacolo della nuova Carens,  è caratterizzato da una plancia  che riporta al centro il grosso schermo a sfioramento di 7 pollici del sistema multimediale con comandi vocali che permette di gestire l’impianto audio, il navigatore satellitare e visualizzare le immagini della telecamera posteriore quando si fa manovra.  Dal punto di vista delle dotazioni, sulla   Carens, non mancheranno il climatizzatore bizona, i sedili riscaldabili, gli interni in pelle, il regolatore di velocità, le prese Aux-in e Usb, i sensori di parcheggio e il Bluetooth. In sicurezza, oltre all’Esp e a una dotazione completa di airbag ci saranno anche i sistemi che rilevano la presenza di un veicolo nell’angolo cieco degli specchietti e quello che avvisa il guidatore se cambia involontariamente di corsia.  Per quanto riguarda le motorizzazioni, dovremmo quindi avere il 1.6 a iniezione diretta di benzina da 135 CV che può essere abbinato al nuovo cambio robotizzato a doppia frizione, affiancato dal 1.6 turbodiesel declinato in due livelli di potenza: 110 e 128 CV.

Pro_cee’d

Non c’è ne vogliano i dirigenti della Kia ma a Parigi hanno presentato anche la versione 3 porte della fortunata compatta della casa la Cee’d, chiamata pro_cee’d,  ma da come si vede nella foto la vettura tradisce la chiara appartenenza alla stessa identica piattaforma costruttiva che ha dato vita alla cugina Hyundai I30 e porte presentata poco più sopra. La Kia Pro_Cee’d  usa le motorizzazioni più potenti della berlina,  ma anche  del motore 1.6 turbo da 186 CV utilizzato sulla Hyundai Veloster Turbo.

Daniele Amore

Pubblicità