Pubblicità

La Lotus è piombata in una fase di stallo delle prestazioni della loro vettura da quando sembrava di poter lottare alla pari con i grandi team. L’accusa maggiore è stata quella di essersi concentrati troppo su sistemi di stallo dell’ala che non hanno sortito gli effetti sperati se non sono ancora stati usati in gara. Di contro i tecnici inglesi si sono subito buttati sullo sviluppo di nuovi scarichi ad effetto coanda,  perchè era ormai l’unica delle squadre di vertice che non li adottava.

Questo dimostra che la vicinanza di due gran premi come Giappone e Corea nonostante la lontananza dall’Europa non impedisce di portare sulle vetture anche modifiche radicali purchè le si abbiano nel cassetto! Il sistema somiglia molto a quello della Mclaren come previsto. A differenza dei colleghi inglesi però i tecnici Lotus hanno un canale degli scarichi più piccolo e meno pronunciato che non va ad ingrossare la parte posteriore della fiancata.

Curioso il rivestimento metallico del canale al posto di quello di carbonio, forse un eccesso di sicurezza visto il calore a cui è sottoposta la zona interessata. Qualche perplessità invece l’assenza di prese aria supplementari nei dintorni del canale di scarico come adottato dalle altre rivali. Non si è ben capito se è stata una dimenticanza, oppure la non necessità da parte del propulsore Renault di evacuare aria calda in eccesso.  Il sistema è stato provato da Kimi Raikkonen nelle prove libere e va verificato la sua reale efficacia in gara sempre che si decida di adottarlo.

Daniele Amore

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com