Pubblicità

Dopo 20 anni di assenza alla sua prima stagione di rientro nel campioanto DTM,  la BMW mette in riga le già esperte e avvantaggiate Mercedes e Audi. Nell’ultimo appuntamento sul tracciato di Hochenheim Bruno Spengler conquista la sua 4 vittoria stagionale soffiando il titolo a Gary Paffets e la Mercedes. Molto comunque ha da recriminare con se stesso il pilota britannico, infatti con tre punti di vantaggio in classifica generale e la pole position,  a rovinare tutto ci ha pensato una pessima partenza che ha lasciato strada a Farfus con la BMW seguito da Spengler. Ovvio che non c’è stato bisogno di accordo per spingere il pilota brasiliano della casa bavarese a fare gioco di squadra lasciando la vittoria a Spengler.

Paffets ha fatto il possibile per recuperare l’errore approfittando della battaglia tra le Audi che gli ha spianato la strada e un audace sorpasso ai box sulla BMW di Farfus che ha quasi portato al contatto le due vetture nella pit lane, ma unica occasione anche se vana per tentare il riaggancio con il leader Spengler. Raggiunto il pilota BMW Paffets non è mai sembrato realmente in grado di tentare il sorpasso arrendendosi fino alla bandiera a scacchi che regalava punti sufficienti all’alfiere BMW per la conquista del titolo.

Ottima la prestazione di Farfus, con una stagione in crescendo di risultati,  si candida seriamente a recitare un ruolo primario sia all’interno del team BMW che nel campionato DTM nelle stagioni future. Bene anche il nostro Mortara con un Audi in netta difficoltà il sesto posto sembra un risultato più che lusinghiero e che pone il pilota italiano in netta concorrenza per le gerarchie all’interno del team della casa degli anelli per la stagione futura.

DTM, Hockenheim, 21/10/2012
Classifica finale
1. Bruno Spengler – BMW – 1.07’59″069
2. Gary Paffett – Mercedes – +2″2
3. Augusto Farfus – BMW – +11″9
4. Jamie Green – Mercedes – +23″4
5. Dirk Werner – BMW – +25″3
6. Edoardo Mortara – Audi – +41″7
7. Andy Priaulx – BMW – +42″2
8. Joey Hand – BMW – +42″8
9. Ralf Schumacher – Mercedes – +43″8
10. Christian Vietoris – Mercedes – +45″1
11. Filipe Albuquerque – Audi – +45″138
12. Timo Scheider – Audi – +1’14″020
13. Susie Wolff – Mercedes – +1’35″931
14. Martin Tomczyk – BMW – +1 giro
15. Roberto Merhi – Mercedes – +1 giro
16. Rahel Frey – Audi – +1 giro

La classifica finale del campionato (primi cinque): 1. Spengler 149; 2. Paffett 145; 3. Green 121; 4. Rockenfeller 85, 5. Mortara 82.

Daniele Amore

Pubblicità