Pubblicità

Tutto ormai ricordano l’impresa di Vettel nel gran premio di Abu Dhabi. Molti continuano a dire che dipende dalla perfezione di una RB8 vero gioiello tecnologico creato da Adrian Newey. Una delle soluzioni che sta usando, al limite dell’interpretazione regolamentare il tecnico inglese,  è la flessibilità dell’ala anteriore. In effetti da come si vede quando la vettura passa sui cordoli,  l’alettone anteriore non si flette lateralmente,  cosa parametrata perfettamente dal regolamento,  ma piuttosto in modo l0ngitudinale cioè all’indietro.

Nella foto soprastante,  si vede chiaramente la nuova frontiera dello sviluppo della flessibilità dell’ala anteriore.  Infatti,  il “genio” o furbizia,  chiamatela come vi pare, di Newey sembra abbia spostato il problema in una zona non chiaramente specificata del regolamento. Sembra che tutto il muso della vettura abbia una flessibilità oltre il dovuto in termini di spirito regolamentare. Come si vede,  il meccanico deve alzare la vettura facendo leva sulle due alette nere ai lati della macchina per cambiare l’ala e queste flettono tutto il muso anteriore verso il basso.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=kGX8dXPoXvI[/youtube]

Nel video,  si vede molto chiaramente che il muso flette in modo vistoso verso il basso prima di alzare la vettura. Questa flessione, se confermata,  che sia voluta e non casuale,  con Newey niente e per caso sulle sue macchine, si può ipotizzare che serva a cambiare in modo radicale l’angolo di incidenza della ala anteriore,  non solo sul dritto, ma addirittura con un a flessibilità così marcata anche nelle curve di velocità e raggio variabile.

Una curiosità sta nel fatto che il geniale progettista inglese ha passato molti minuti nel primo stint di gara ad osservare l’ala anteriore della sua creatura. Noi pensiamo che con i tempi che faceva Vettel ad ala danneggiata e con la telemetria che a detta della squadra il danno non ha inficiato sul carico, Newey stesse cercando di capire perchè tutta quella roba che mancava dall’ala danneggiata non creasse difetto….Che non serva a creare carico? o il suo sistema flessibile funziona talmente bene da rendere inutile tutte le alette al di sopra della ala principale?  Staremo a vedere i prossimi sviluppi.

Daniele Amore

Pubblicità

5 COMMENTS

  1. cmq si muove solo la parte dove sono attaccate le due alette con le telecamere, l’alettone sta fermo, secondo me e’ un sistema per eliminare le vibrazioni e avere un video migliore. non lo vedo come un qualcosa di irregolare.

  2. sotto quella parte che ti dici che sembra di gomma si sono attaccati i due piloni che tengono tutta l’aria e se piega l’ala va più in basso e assume un incidenza diversa…se invece piega solo la punta crea una differente sezione di passaggio dell’aria sottostante alimentando diversamente il fondo nelle condizioni di rettilineo…comunque non è un caso questo è certo

  3. piu’ che piegare la punta sembra che ci sia un perno centrale di attacco delle telecamere che le fa oscillare lateralmente, una si alza e l’altra si abbassa.
    cmq l’alettone rimane rigido, si vede bene.

Comments are closed.