Pubblicità

Il Mondiale MotoGP 2012 è finito, e lo ha fatto nel modo più incredibile, anche se a dire il vero quest’anno il meteo ha davvero rotto i maroni sempre e comunque. La gara è stata una cosa pazzesca, difficile seguirla perché ad un certo punto non si capiva più chi era primo o secondo, chi doppiato e chi invece stava passeggiando per la pista.

La poggia e la pista asfaltata da poco hanno condito per bene una gara piena di contenuti, con Stoner che lascia l’odiato paddock, Rossi che corre la sua ultima gara in MotoGP con la Ducati, Lrenzo che si gode il titolo e il piccolo Pedrosa che vince come non mai. Ah, e non dimentichiamo il neo super fenomeno eletto Marquez, che sembra stia correndo con una 800 in mezzo a delle minimoto! Partiamo coi voti….

Dani Pedrosa – 10: vince e convince, anche partendo dalla pit lane perché cambia idea all’ultimo momento. Rimonta come una furia, si prende dei rischi pazzeschi, vince con una vita di vantaggio. Questo è il Pedrosa che mi aspetto di vedere il prossimo anno.

Katsuyuki Nakasuga – 10: o come cavolo si scrive, è il mio nuovo idolo!! Povero, lo catapultano su una moto che è la cosa più lontana dalla sua amata moto SBK del campionato giapponese, piove, pista infida, gente folle….e lui arriva secondo!!! Già il fatto di non esplodere dopo tre giri è notevole, finire secondo ha del miracoloso! Grande, un sogno che si avvera per lui, e qualcosa di mitico da raccontare agli amici al bar mentre si ribalta si Saché.

Casey Stoner – 8: voto alla gara, non alla carriera, l’australiano ha cercato di non ammazzarsi nella gara che chiude la sua bellissima carriera. Il podio non lo accontenta e si vede anche se è un ex pilota, lui avrebbe preferito annichilire tutti. Ma va bene così, ora se ne va a pescare!

Alvaro Bautista – 7,5: bravo Alvaro, non fa danni e porta a casa un saggio quarto posto che da morale e punti al team Gresini. Rimane un buon pilota se non fa boiate apocalittiche.

Michele Pirro – 8,5: fa una scelta coraggiosa mettendo le slick, in fondo non aveva molto da perdere. E lui che fa? Arriva al traguardo! Quinto! Già arrivare al traguardo è tanto, ma essere anche il primo delle CRT e finire quinto è da non credere!!

Andrea Dovizioso – 6: dopo il warm up mi sarei aspettato di più da lui, non finire sesto a 1 minuto e mezzo. Rimane in piedi, ora va in Ducati…auguri pure a lui.

Karel Abraham – 6,5: già il fatto che non lo abbiano ritrovato stampato da qualche parte è una novità, la cosa strana è che sia rimasto in piedi proprio nella gara che invitava alla cazzata colossale.

Danilo Petrucci – 6: finalmente un po di sollievo, una gara decente conclusa bene.

Jorge Lorenzo – 6: ha tirato una mina pazzesca, lui voleva vincere e ci stava riuscendo. La scelta coraggiosa di montare le slick da subito stava pagando, poi era evidente che oggi i doppiati ce l’avevano a morte con lui. Andava tutto bene, era riuscito a evitare Barbera, notoriamente un pericolo pubblico. Non aveva fatto i conti con Ellison, chicane mobile che Jorge ha provato a passare da sopra con un doppio carpiato. Peccato la M1 si sia disintegrata nell’atterraggio. Sorpasso a metà.

Valentino Rossi – 3: gli scooter intorno alla pista giravano più forte di lui, e poi lui aveva la testa alla Yamaha. Di certo la prima che proverà sarà quella di Lorenzo raccolta dalla via di fuga….Jorge ha detto che gliela regala.

Cal Crutchlow – 3: riporterò una frase che si diceva del mitico Carlos Lavado: “ha un bottone per cervello, solo on e off”. Cal si autodistrutto testando i freni, nonostante l’era geologica di vantaggio sul terzo. Robe da circo…

Vediamo un pochino altre cosette viste nel week end…

Marc Marquez – senza voto: come si fa a dargli un voto? E’ partito a tutta manetta, nemmeno io giocando alla play station faccio dei sorpassi del genere!! Completamente fuori di testa….

Sandro Cortese: si è fatto fregare all’ultima curva come un pivello, ma alla fine va bene così….

Quel burlone del meteo: ha rotto le palle pure stavolta, ha reso infide tutte le gare e incasinato tutto e tutti….però, alla fine chi vince sono sempre i soliti….Tié!!

Pubblicità

5 COMMENTS

  1. Rossi finchè le condizioni erano quelle giuste ( bagnato ) ha fatto bene poi è giustamente sparito.
    Tanto con l’asciutto si sapeva che il pacchetto faceva schifo

  2. e cosi sicuro nn ne sarei. honda di suo ha un vantaggio su yamaha, ha anticipato durante questo mondiale la versione che doveva essere la 2013 ma a quanto sembra già pronta un’altra è.
    terrasanta stai sicuro che lorenzo al momento giusto nn ha compreso bene che l’offerta honda doveva essere presa a volo.. è da vedere se yamaha potrà contrastare pedrosa e la rc213v, l’m1 totale da metà stagione fino a ieri li ha prese di brutto e il 2013 per jorge è partito male..

  3. Magari invece dell’offerta della Honda ne ha parlato bene con Forcada che credo abbia un’idea parecchio precisa di come vada quella moto e questi lo abbia sconsigliato ritenendola poco a adatta a Lorenzo e al suo stile pulito. E’ vero che a quel tempo la Yamaha era forse un filo superiore alla Honda, col 1000 ancora da sgrezzare, ma probabilmente entrambi hanno ritenuto che Lorenzo avrebbe fatto fatica ad adattarsi così bene (e in fretta), come Pedrosa e Stoner.

Comments are closed.