Pubblicità

La MV Agusta sforna un nuovo modello semplicemente incredibile: la Rivale 800 entra in un nuovo segmento di mercato per spingersi dov’è l’emozione a dominare. La Rivale vuole stupire, forte di numeri che non lasciano margini d’interpretazione: 170 kg, 125 cv.

MV estende la gamma con una nuova interpretazione del modernissimo motore tre cilindri che ha debuttato sulla F3 675 e che equipaggia anche Brutale 675 e 800, affiancando le rinnovate famiglie a quattro cilindri F4 e Brutale.

Rivale 800 non è solo una moto, ma anche un esercizio di stile: superfici spigolose, volumi abbondanti ma compatti sempre con la meccanica e il telaio al centro della scena. Il cupolino è compatto, massiccio, e rende la Rivale una vera Muscle Bike. La sezione centrale è snella, disegnata per favorire la guida sportiva e permettere al pilota la massima libertà di movimento sulla sella ampia ed ergonomica.

Il codino è ridotto al minimo, è molto essenziale. La tecnologia LED è largamente impiegata: all’avantreno, sia per delimitare le estremità del manubrio, aumentando la visibilità della moto da ogni angolo d’osservazione e quindi la sicurezza passiva, sia per gli indicatori di direzione, dal color ambra, integrati nei paramani; dietro, luci di posizione e di stop sono ospitati in due elementi separati, mentre gli indicatori di direzione sono stati collocati sul piccolo parafango, a cui è vincolata anche la targa.

Gli specchi retrovisori sono retraibili per la guida sportiva su strade chiuse al traffico o in pista, ma anche telescopici, per migliorare la visione posteriore.

Il cruscotto è stato progettato appositamente per Rivale 800: interamente digitale, multifunzione, è compatto per trovare posto sul ponte di comando, ma allo stesso tempo offre la massima disponibilità di informazioni.

Il tre cilindri in linea di Rivale 800 vanta l’albero motore controrotante che ha esordito sulla supersportiva F3 675: un’idea esclusiva che significa innanzitutto maneggevolezza e sottolinea la vocazione racing di questa MV Agusta. La tecnologia MVICS (Motor & Vehicle Integrated Control System) permette di ottenere prestazioni, fluidità d’erogazione, facilità di guida e personalizzazione estrema, grazie a tre mappe motore predefinite e a una custom, quest’ultima da costruire letteralmente in base a esigenze e gusti personali.

La gestione dell’acceleratore è Full Ride-By-Wire. Il telaio reinterpreta la combinazione esclusiva MV Agusta tra sezione anteriore con schema a traliccio in tubi di acciaio e piastre in lega di alluminio, a fare da fulcro allo splendido monobraccio della sospensione posteriore. Le quote della ciclistica sono state definite in modo da garantire i migliori risultati nella guida: di conseguenza l’angolo del cannotto di sterzo è superiore di mezzo grado rispetto a quello della Brutale 800.

Cresce anche l’escursione di forcella e monoammortizzatore, forniti rispettivamente da Marzocchi e Sachs e regolabili nel precarico della molla oltre che nell’idraulica in compressione e in estensione.

Come su ogni MV Agusta, l’impianto frenante offre il meglio della produzione per ottenere risultati eccellenti. Ecco, quindi, la coppia di dischi anteriori di 320 mm di diametro con pinze radiali Brembo a quattro pistoncini; dietro, un disco di 220 mm di diametro, con pinza a due pistoncini.

MV ha voluto stupire ancora una volta portando all’estremo concetti molto moderni, con la tipica attenzione ai dettagli e al design che è, come da tradizione, un must per la casa italiana. Rivale 800 sarà disponibile dal secondo semestre 2013 a partire da 10.990€.

[nggallery id=6]

Pubblicità

11 COMMENTS

  1. Infatti, avrei pensato costasse molto di più. Quando ho letto il prezzo sulla cartella stampa ci sono rimasto male!! Anche la F3 cosa poco…ed è una moto eccellente.

  2. la mv agusta è riuscita a creare una linea di moto veramente eccezionale ad un prezzo molto competitivo per i contenuti che offre.prezzi allineati alla concorrenza europea e prestazioni e agilità al vertice del segmento.spero che riescano a crescere quanto meritano!

  3. certo poi quando fanno le versioni top di gamma costano un capitale.
    pero questo nuovo aproccuo al mercato di mv lo trovo molto inteliggente e interessante.

    infatti la rivale mi ha messo la pulce nell’o:recchio…..mo si tratta di dirlo alla mi moglie!!!!!

  4. io non parlo della MV anche se è veramente bella,son contento della mia KAWA, voglio solo ricordare che Max Baggi a l’EICMA HA VINTO IL CASCO D’ORO et in piu il trofeo Top Ryder 2012,
    x un nonnetto di 41 anni non è mica male 😉 😉

  5. Terra, ma si è corso anche a Rho? 😉
    Eppure aveva detto che faceva solo la gara col motard (quasi come il mio) il 2 a Latina e poi più basta!

  6. @samba i top di gamma costano,ma tutti hanno prezzi alti per le proposte top.a me personalmente la rivale non piace,ma una b3 800,se lavorassi,me la prenderei 😀

  7. @sme,abbiamo tutto l’inverno per parlare di produzione,non c’è fretta!se poi per “ci arriviamo” intendi che la proverete a breve,la cosa cambia e di molto!

  8. No la prova ancora no, anche perche fa un freddo boia!! Preferirei provarla col tepore estivo, su e giu per i passi di montagna a consumare saponette!!

Comments are closed.