Pubblicità

E’ lui il favorito numero uno per qualifiche e gara. Sebastian Vettel anche nell’ultimo turno di libere si porta in testa sfruttando il potenziale della sua monoposto e delle gomme medium, precedendo un efficace Hamilton grazie ad un crono in 1’36″490. Fino ad ora un week-end quasi perfetto per il campione del mondo, peccato per continui problemi di affidabilità che lasciano il muretto della Red Bull leggermente in apprensione. Dopo la perdita di liquidi di ieri, oggi si è verificata una noia al primo rapporto del cambio che però non ha eccessivamente disturbato il proseguo della sessione. Il tedesco infrange dunque il muro dell’1 e 37 insieme alla McLaren di Lewis, mentre Fernando Alonso si ritrova davanti un inatteso Pastor Maldonado autore con la Williams di un eccellente 1’37″001 davanti proprio alla rossa numero 5. Ferrari di

Lo spagnolo con fatica è riuscito a fermare il cronometro in 1’37″180,  dopo una sessione passata per venti minuti senza alcun giro completato ed un Ferrari che conferma un carattere nervoso e a tratti inguadabile. Persino la Mercedes di Nico Rosberg pare essere un avversario ostico, con Massa che segue il compagno di squadra dalla sesta piazza. Fa strano vedere invece Mark Webber solamente settimo con una RB8 teoricamente più performante rispetto alla concorrenza, precedendo la Sauber di Sergio Perez autore di uno speronamento della Marussia di Charles Pic alla curva 7. Il messicano sembra non aver proprio visto il giovane francese, beccandosi gi la seconda  reprimenda da parte dei commissari sportivi ed ora rischiando seriamente la penalità. Male Button decimo dietro alla Force India di Hùlkenberg, malissimo le due Lotus non in grado di portare a temperatura le Pirelli: Kimi Raikkonen è solo tredicesimo, Romain Grosjean addirittura diciassettesimo. Seguono tempi FP3

1. Sebastian Vettel – Red Bull-Renault – 1’36″490 – 18 giri
2. Lewis Hamilton – McLaren-Mercedes – 1’36″748 – 20
3. Pastor Maldonado – Williams-Renault – 1’37″001 – 21
4. Fernando Alonso – Ferrari – 1’37″180 – 21
5. Nico Rosberg – Mercedes – 1’37″247 – 24
6. Felipe Massa – Ferrari – 1’37″262 – 27
7. Mark Webber – Red Bull-Renault – 1’37″298 – 18
8. Sergio Perez – Sauber-Ferrari – 1’37″415 – 20
9. Nico Hulkenberg – Force India-Mercedes – 1’37″495 – 20
10. Jenson Button – McLaren-Mercedes – 1’37″538 – 20
11. Bruno Senna – Williams-Renault – 1’37″569 – 21
12. Michael Schumacher – Mercedes – 1’37″760 – 21
13. Kimi Raikkonen – Lotus-Renault – 1’37″765 – 26
14. Kamui Kobayashi – Sauber-Ferrari – 1’37″953 – 23
15. Daniel Ricciardo – Toro Rosso-Ferrari – 1’38″547 – 23
16. Paul di Resta – Force India-Mercedes – 1’38″653 – 22
17. Romain Grosjean – Lotus-Renault – 1’38″753 – 11
18. Jean-Eric Vergne – Toro Rosso-Ferrari – 1’39″689 – 12
19. Timo Glock – Marussia-Cosworth – 1’40″407 – 23
20. Vitaly Petrov – Caterham-Renault – 1’40″753 – 19
21. Heikki Kovalainen – Caterham-Renault – 1’41″011 – 19
22. Charles Pic – Marussia-Cosworth – 1’41″466 – 19
23. Pedro de la Rosa – HRT-Cosworth – 1’43″563 – 21
24. Narain Karthikeyan – HRT-Cosworth – 1’44″043 – 23

Riccardo Cangini

Pubblicità