Pubblicità

Come sempre il gran premio del Brasile anche quest’anno ci ha tenuti incollati alla poltrona. Non per lo spettacolo in se reso veramente eccitante dalle condizioni atmosferiche, anche queste tipiche del Brasile, ma per le vicende che curva dopo curva si consumano sull’asfalto Brasiliano. Alla partenza è campione del mondo Vettel, tre curve dopo lo è Alonso. Piove i piloti si alternano la classifica in sovra impressione sembra impazzita, regala il titolo prima ad uno poi all’altro. Non puoi pensare che sia finita finchè tutti non varcano la linea del traguardo anche con la safety car….potrebbe sempre rompersi quel dannato alternatore all’ultima curva!

Michael Schumacher 10 Grazie campione…sentiremo tutti la tua mancanza!

Jenson Button 10 Ha finito come aveva cominciato con una vittoria. Ha semplicemente dimostrato che se la Mclaren si fosse impegnata di più nel set up della vettura e nella gestione del team poteva dire la sua nella lotta per il titolo. Ha messo una pietra importante per il 2013 con questa vittoria.

Sebastian Vettel 9 Fortunato?….forse si la sua Redbull viene tamponata e non fa una grinza. Recupera, gestisce….compensa anche gli errori della squadra poi nel finale sembra perdere quel mordente e quella aggressività che lo ha contraddistinto fino a questo momento. Forse la possibilità di perdere un mondiale fa mettere la testa a posto a tutti.

Fernando Alonso 9 Grande la sua partenza come al solito, bello il sorpasso su Massa e Webber sengno che la voglia e l’agonismo c’era. Certo in condizioni difficili quelle che ha voluto dall’inizio del fine settimana ci sia aspettava un cambio di passo tale da andare a prendersi la vittoria che gli avrebbe regalato il titolo. Ma crediamo che più di così non potesse fare…chiude il mondiale sconfitto ma con l’onore delle armi!

Felipe Massa 8 Le lacrime sul podio sono il segno tangibile della tensione e dello stato in cui questo pilota ha vissuto la sua stagione. Perennemente criticato anche da noi da queste pagine, con una vettura decente e una squadra che non lo considera trasparente sembra che abbia ripreso il suo ritmo. Il suo unico podio a casa è una grandissima iniezione di fiducia per l’anno prossimo.

Jean-Eric Vergne 8 Gran bella gara del francese. Una roccia costante e veloce. Quando gli altri gli danno strada lui ne sa approfittare e gira veloce da non farsi riprendere. Un punto fermo per la crescita della Toro Rosso

Lewis Hamilton 8 Ha dato spettacolo. Ha duellato con il compagno per vari giri mentre le camere erano tutte le i protagonisti del mondiale. Ha duellato con il giovane Hulkenberg alzando l’asticella del duello troppo in alto per le capacità del giovane tedesco purtroppo ne ha fatte le spese ma avrebbe vinto. In Mclaren lo rimpiangeranno!

Niko Hulkengerg 7 Ha stoffa da campione questo giovane tedesco. Non ha timori reverenziali nei confronti di nessuno. Forse ha osato troppo contro l’avversario sbagliato perdendo di fatto il suo primo podio. Un buon segnale per il proseguo della sua carriera.

Kamuj Kobayashi 7 Il giapponese ha dato veramente l’anima per dimostrare a tutti che è degno di restare nel circus. Una gara all’attacco in mezzo ai grandi a fare da ago della bilancia senza timore nei confronti di tutti. Meriterebbe una possibilità.

Mark Webber 5 Questa volta non è riuscito manco a fare lo scudiero. Letteralmente surclassato da Massa che lo ha tenuto a basa in modo esemplare non è riuscito nel gran premio fondamentale ad dare una mano al suo caposquadra veramente deludente.

Kimi Raikkonen 5 Un pesce fuor d’acqua. Completamente fuori dalla gara. Forse nel 2007 ultima volta che correva a Interlagos quel cancello non c’era!

Pastor Maldonado 5 Dimenticare la pesa una volta passi…ma rifarlo ancora è diabolico. La Williams ha bisogno di soldi c’è gente che ha talento e non correrà l’anno prossimo, come c’è gente messa a piedi per molto meno!

Niko Rosberg 5 Nella ultima gara del compagno blasonato, fa una brutta figura. Non riesce a stare a punti nelle condizioni dove le vetture di equiparano mentre il Vecchio si danna l’anima per l’ultima volta con una Mercedes veramente scadente.

Redbull Renault 8 Eppur corre!!!…dopo l’affermazione fatta a suo tempo sul muso mobile, è questa la cosa che traspare dal gp di Brasile. I segreti di questa RB8 sono talmente profondi da viaggiare senza intoppi che si rompa l’ala anteriore o tutta la parte posteriore un osso durissimo anche per il 2013

Force India Mercedes 8 I soldi sono importanti per tutti soprattutto per i piccoli….ma come fai a dire ad giovane pilota che deve alzare il piede e non lottare con chi ha tutto meglio di lui!….eppure un tentativo lo dovevano fare avrebbero preso un podio!

Sauber Ferrari 7 Sulle doti di Hulkenberg non ci sono dubbi, su quelle del giovane mexicano Gutierrez nemmeno, ma che peccato lasciare a piedi Kobayashi

Meclaren Mercedes 6 Potevano lottare per il mondiale sia costruttori che piloti. Avevano tutto tranne la capacità di gestire le cose come si doveva!

Ferrari 6 Recuperare la psiche di Massa era fondamentale dal primo Gp….si è visto in questi ultimi gran premi. Si poteva tentare di lottare per il costruttori oltre che per il mondiale piloti. Una lezione per il 2013

Lotus Renault 6 Soddisfatti, e pigri. L’ultima è stata la gara più brutta della stagione Lotus

Mercedes 5 Speriamo che abbiano capito qualcosa dal disastro della W03!

 

Pubblicità

9 COMMENTS

  1. Comunque Vettel è un mostro di bravura, macchina o non macchina quello non molla mai, ieri il titolo se lo sarebbe preso pure spengendo la sua F1 al traguardo a piedi. 🙂

  2. Avrei dato un voto anche a Domenicali, e cioè un bel 2, per: l’arroganza dimostrata in ogni occasione e per non aver avuto un guizzo di sportività e classe complimentandosi con Vettel e la Red Bull. Signori si nasce si dice…..

  3. I voti sui piloti e sulle squdre possono essere opinabili ma a quanto vedo rispecchiano la realta tranne per schumacher che gli avrei dato 10 e lode.resistere alla stampa maligna non e da tutti

  4. Magic: domenicali è una di quelle persone che non vorrei mai trovarmi davanti…. non mi è mai piaciuto a pelle, poi una volta visto cosa ha fatto in pista…mi piace ancora meno…

    @Fevi: beh dai, dal 10 al 10e lode manca poco poco… 😀

  5. @Simona. Le motivazioni che hanno portato Hamilton a lasciare la Mclaren sono difficili da dire senza sta dentro il team. Una cosa su tutte il cambio di gestione Dennis con Withmarsh che non ha garantito più l’occhio di riguardo per Lewis. Hamilton ha sofferto tanto Button e ha sofferto ancora di più il gioco al ribasso che ha fatto la squadra per tentare di dargli meno soldi. Lo stesso giochetto che Batton fece l’anno scorso con le visite al motorome Ferrari per costringere Woking ad aprire i cordoni della borsa! Tutto ha portato ad una serie di rotture interne che ha culminato nella messa in rete su tweete della temeletria da parte di Hamilton per dimostrare la diversità di trattamento nel gp di Germania. Quella cosa ha messo alla porta Lewis. Il chiarimento prima del Giappone ha portato a recuperare competitività ma alla fine il giocattolo si è rotto.
    Su Schumacher ci sarà modo di osannare la sua carriera. Il mio commento lapidario era solo per il fatto che ci ha provato, non ha mollato mai, si è preso scusate il termine un sacco di merda addosso senza battere ciglio, ha avuto per la prima volta un compagno che ha il piede pesante, ha lottato come un ragazzino in mezzo ai ragazzini…..ha sopportato Stella Bruno, lui che in Ferrari mai parlava italiano sentendola in inglese ha cambiato idea!…meglio il suo italiano! Mancherà a tutti.
    Ultimo nessuno più di me e dei miei editoriali ha criticato apertamente la dirigenza Ferrari. Però una cosa va detta questo non è calcio!..cambiare si deve e ne sono convinto ma cambiare con criterio perchè rifondare la squadra passa per il pilota, il tecnico e il direttore…..io tre nomi c’è li avrei ma come la mettiamo con Alonso?…mi sa che ne se parla nel 2014!

  6. da suo sostenitore gli faccio in bocca la lupo assieme a rosberg fanno la coppia più bella della F1!

Comments are closed.