F1, Test Silverstone: Magnussen porta la McLaren al comando

f1

Questo 2013 si sta rilevando una annata decisamente amara per la McLaren, già concentrata verso il progetto dell’anno prossimo date le immense difficoltà tecniche riscontrate con la MP4-28. Vettura che il giovane Kevin Magnussen è riuscito a portare in cima alla classifica dei tempo nel primo giorno del Young Driver Test a Silverstone. La squadra di Woking non ha convocato i suoi piloti titolari in questi tre giorni di prove collettive, così da approfondire al massimo il lavoro di sviluppo cercando e di trovare più prestazione rispetto a quanto fatto fino ad ora in campionato. Una scelta giusta, almeno tenendo conto del crono di 1’33”602 realizzato dal figlio d’arte con gomme a mescola media, senza che nessuno sia più riuscito a replicare. Alle spalle del danese troviamo il titolare Paul di Resta alla prima presa di contatto con le nuove gomme Pirelli montate sulla sua Force India. Lo scozzese ha preso il posto del rookie James Calado nel pomeriggio, riuscendo ad abbassare il suo limite fino a 1’33″774. Buon terzo posto per la giovane promesse Red Bull Antonio Felix Da Costa, terzo per appena una manciata di millesimi. Anche i campioni del mondo sembrano intenzionati a concentrarsi più sul proprio sviluppo che sulla conoscenza dei nuovi pneumatici, con il solo Sebastian Vettel atteso nei prossimi giorni senza più la presenza del suo attuale compagno di squadra Mark Webber.

La Top-five si completa con Calado e Daniel Juncadella, in grado si scalare la classifica al volante delle debole Williams. Dietro di lui Johnny Cecotto e Robin Frijn rispettivamente al sesto ed al settimo posto con Toro Rosso e con la Sauber. Nelle parti bassi troviamo anche Lotus e Ferrari condotte da Nicolas Prost e Davide Rigon, i due collaudatori che hanno effettuato molte prove comparative per portare avanti lo sviluppo delle vetture. Tra il team inglese e quello italiano in comune vi è anche la scelta di non far scendere in pista le proprie prime guide. La criticata scelta di Fernando Alonso di non partecipare a questi test è stata infatti seguita anche da Kimi Raikkonen, a favore di un ulteriore giornata di sviluppo con il collaudatore Prost. Ad Enstone sperano ancora di fare il salto di qualità e il poter girare in pista è una occasione da sfruttare al 100%.  La Caterham di Alexader Rossi chiude in decima posizione, con l’americano costretto a finire prima del tempo causa noia meccanica. Problemi anche per Max Chilton, addirittura ultimo dietro anche l’esordiente Tio Ellinas per guai alla centralina, mettendo insieme solo 27 giri. Segue la classifica tempi di questo Day-1.

1. Kevin Magnussen – McLaren-Mercedes – 1’33″602 – 100 giri
2. Paul di Resta – Force India-Mercedes – 1’33″774 – 58
3. Antonio Felix Da Costa – Red Bull-Renault – 1’33″821 – 82
4. James Calado – Force India-Mercedes – 1’33″986 – 27
5. Daniel Juncadella – Williams-Renault – 1’34″098 – 55
6. Johnny Cecotto – Toro Rosso-Ferrari – 1’34″193 – 75
7. Robin Frijns – Sauber-Ferrari – 1’34″236 – 72
8. Nicolas Prost – Lotus-Renault – 1’34″810 – 72
9. Davide Rigon – Ferrari – 1’34″874 – 76
10. Alexander Rossi – Caterham-Renault – 1’35″651 – 69
11. Tio Ellinas – Marussia-Cosworth – 1’36″676 – 36
12. Max Chilton – Marussia-Cosworth – 1’38″347 – 27

Riccardo Cangini