article-1201741-05D07117000005DC-546_468x362

Ross Brawn potrebbe ritornare in Ferrari: è’ questa la clamorosa notizia che piove dal paddock di Interlagos, dove si sta disputando l’ultima tappa del mondiale. Il britannico, attualmente il capo del Team Mercedes e direttore tecnico della Ferrari nel periodo d’oro di Schumacher, è stato visto proprio nella hospitality Ferrari, impegnato in un colloquio con Stefano Domenicali.

Il britannico sta valutando il suo futuro in Mercedes, con il team di Brakley che dovrebbe sostituire proprio Ross Brawn con Paddy Lowe che una settimana fa ad Austin aveva dichiarato “Ross ad un certo dovrà fare una scelta precisa sul suo futuro e stiamo ancora aspettando una sua decisione”.

Cosi si prospetta l’ipotesi Ferrari per Ross Brawn, un ritorno a casa Maranello, a “pilotare” il team verso quei successi che in queste stagioni sono mancati, pur disponendo di un pilota come Alonso. Da parte sua, lo stesso Domenicali ha ammesso di essere disposto a farsi da parte nella ipotesi che qualcuno prenda il suo posto  “Sono disposto a farlo anche domani, se questa è la soluzione migliore” ha dichiarato Domenicali in una intervista a Sky “Devo sottostare anche io alle decisioni dei miei superiori e la cosa importante è che la Ferrari ritorni al vertice, divenendo un punto di riferimento per gli altri”.

Alla domanda se accetterebbe di lavorare assieme a Ross Brawn al muretto Ferrari, Domenicali dichiara “Preferisco non rispondere! Qualsiasi risposta data, solleverebbe titoloni su tutti i giornali. Ho rispetto per Ross, prima di tutto come caro amico e poi come professionista. Aspettiamo e vediamo”.

Il ritorno di Ross Brawn in Ferrari potrebbe essere il timoniere che manca a Maranello per ritrovare la strada degli allori iridati. Senza nulla togliere all’operato dell’attuale muretto, ma in questi anni post-Brawn troppi errori di strategia (sia in qualifica che in gara) sono stati commessi e molti di questi grossolani e inadatti per una blasonata scuderia come la Ferrari.

5 Commenti

  1. Lui è sicuramente molto abile, anche se io sono uno di quelli che non da la colpa sola a Domenicali degli scarsi risultati. In fondo il team è composto da decine di persone, esclusi i meccanici, e tutti devono lavorare al massimo. E di certo Domenicali è solo colui che ci mette la faccia, non è che è lui che decide le strategie.

  2. Domenicali è colui che si deve prendere le responsabilità di questi 7 anni di fallimento ferrari.In qualsiasi altra società un manager con questi risultati sarebbe stato rimosso all’istante!
    E’ lui che decide e sceglie gli uomini. C’è da chiedersi come mai non hanno preso Briatore!

  3. domenicali non mi è mai piaciuto e tutta questa esperienza ai tempi non l’aveva. la ferrari fin dall’arrivo di alonso ha preso tecnici che erano in renault e mclaren.. e ora qualcuno che viene dalla red bull.. ma ci sarà un motivo perchè un costruttore che sia renault o mclaren o mercedes non trattiene un tecnico o ingegnere di un certo spessore?
    mi posso pure sbagliere ma anche i nuovi arrivi non potranno migliorare più di tanto la situazione.
    C’è da migliore un pò di tutto in ferrari e una migliore organizzazione.

I commenti sono chiusi.