Pubblicità

f1-japanese-gp-2014-the-caterham-ct05-of-kamui-kobayashi-caterham-is-recovered-back-to-theIl team Caterham potrebbe essere arrivato al capolinea della sua breve e deludente esperienza in F1: oltre ad avere ingenti problemi finanziari, il team ha perso il sostegno di Bernie Ecclestone: “Penso che sia meglio che se ne vadano dalla F1. Non voglio vedere team andare in giro ad elemosinare con una ciotola”  ha riferito al quotidiano inglese The Sun. Il pensiero di Ecclestone segue il comunicato emesso mercoledì dalla stessa Caterham dove i nuovi proprietari hanno accusato Tony Fernandez di non rispettare il contratto firmato ovvero non lasciando agli acquirenti le azioni ne i poteri per prendere in mano la scuderia.

“Caterham Enterprises Ltd, Caterham (UK) Ltd, lo Sceicco Mohamed Nasarudin e i loro azionisti Tony Fernandes e Datuk Kamarudin Bin Meranun hanno siglato un contratto di compravendita con Engavest SA riferito a Malaysia Racing Team Sdn Bhd/Caterham F1 Team. Dalla data del contratto, il venditore si è rifiutato di adempiere alle sue obbligazioni legali di trasferire le proprie azioni all’acquirente. L’acquirente è stato lasciato nella non invidiabile posizione di fondare un team senza avere titolo legale sul team che ha acquistato. Questo è in totale contraddizione con le dichiarazioni del venditore in conferenza stampa del 3 ottobre 2014, secondo le quali Fernandes e il suo Caterham Group non avevano più rapporti con il Caterham F1 Team. Gli amministratori di Caterham Sports Ltd. sono stati nominati per conto della Export-Import Bank of Malaysia Berhad (Exim), un creditore di Fernandes e del Caterham Group. L’acquirente non ha alcun legame con Exim. Caterham Sports Ltd che è stata la società che ha gestito il Caterham F1 Team. Con sommo dispiacere, la nomina degl amministratori ha avuto effetti devastanti sulle attività del Team di Formula 1. Dalla loro nomina, gli amministratori hanno rilasciato diversi comunicati stampa che sono stati molto dannosi nei confronti del management del Caterham F1 team. Dopo 3 mesi di attività svolta in buona fede, l’acquirente adesso è obbligato a esplorare tutte le opzioni, compreso il ritiro della propria squadra di management. Gli avvocati hanno ricevuto mandato dall’acquirente di intraprendere tutte le azioni necessarie contro tutte le parti, compreso il signor Fernandes che, come proprietario, porterà avanti l’attività in Formula 1“.

A dare il definitivo colpo di grazia alla scuderia è la perdita del sostegno da parte di Ecclestone che non è interessato a salvare o perlomeno intervenire sulla vicenda.

 

 

 

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com

Comments are closed.