sykes_warm-up_portimao_sbk_2015Si colora di verde il podio di SBK di gara 1 a Portimao grazie all’affermazione, la nona stagionale e la la ventiquattresima in carriera, di Jonathan Rea davanti Sykes, dopo una gara caratterizzata da numerose sorprese e colpi di scena. Il cambio di scenario più importante è arrivato nel corso del quindicesimo giro, quando le gocce di pioggia che già scendevano sul tracciato dell’Algarve si sono trasformate in pioggia battente, che si è unita al  fastidioso vento in continuo mutamento. Rea, come quasi tutti i piloti presenti in pista, sono tornati ai box per il cambio gomme, mentre Tom Sykes ha deciso di continuare nonostante il precario livello di aderenza delle slick sull’asfalto bagnato. Il campione 2013 è rientrato in pit-lane a termine del passaggio successivo, facendo ritorno sul tracciato a ridosso del compagno di squadra. I due si sono dati battaglia fino al termine del penultimo giro, quando Sykes ha apparentemente sofferto di un momentaneo problma tecnico alla sua ZX-10R, che lo ha costretto a rallentare. Il pilota inglese ha comunque chiuso al secondo posto, davanti a un Chaz Davies capace di mantenere la posizione nonostante il “flag to flag”.

Solamente quarto il nostro Davide Giugliano, molto in difficoltà nelle fasi iniziali della corsa, che non gli hanno permesso di stare con il gruppo di testa nonostante la partenza della pole. Ha chiuso quinto l’attuale Campione del Mondo in carica Sylvain Guintoli, a precedere Matteo Baiocco, Ayrton Badovini, Leandro Mercado, Michael van der Mark ed Alex Lowes, quest’ultimo nuovamente in difficoltà in gara dopo una più che promettente qualifica. Fuori gioco dopo una buona prova Leon Haslam, scivolato alla curva 5 nel corso del giro 16 mentre si trovava in quarta posizione. Ritiri anche per Imre Toth, Santiago Barragan e Leon Camier.