test ufficiali

I piloti della MotoGP™ si sono trattenuti sul Circuit de Barcelona-Catalunya per una giornata di test ufficiali.

Piloti e team hanno visto stravolti i loro piani a causa della pioggia che si è abbattuta intorno a mezzogiorno sul Circuit de Barcelona-Catalunya costringendo tutti ai box. Alcuni di quelli che quest’anno hanno cambiato sella, ne hanno approfittato per testare il comportamento della moto sul bagnato, mentre i top rider hanno concluso la giornata in anticipo.

Dopo un fine settimana travagliato e con alterne fortune, il team Repsol Honda era interessato a provare alcune soluzioni di elettronica prima del congelamento del software. La squadra aveva inoltre portato qui anche il telaio 2014 telaio per un confronto.

test ufficiali

Bradley Smith (Monster Yamaha Tech3) ha stabilito il miglior crono 1’42”018: l’inglese non aveva nuove componenti da provare e si è potuto così concentrare sul set-up generale della moto, chiudendo davanti agli altri piloti ufficiali. Il compagno di squadra Pol Espargarò ha terminato ottavo a oltre 6 decimi.

Il test post-gara è stato proficuo per entrambi i piloti del team Suzuki Ecstar, con il rookie Maverick Viñales classificatosi al secondo posto e Aleix Espargarò appena 58 millesimi dietro di lui.

Prima che la pioggia si abbattesse sul tracciato, Yonny Hernandez (Octo Pramac Racing) ha testato nuovi freni chiudendo il suo test in quinta posizione con il crono di 1’42”332.

test ufficiali

Aleix Espargarò manda questa foto dalla sua motohome.

Cal Crutchlow (CWM LCR Honda) è sceso in pista molto presto per una simulazione di gara, con l’intenzione di verificare il suo passo, visto che in gara ha terminato dopo poche curve dopo un contatto con Aleix Espargarò. Alla fine, il pilota di Coventry ha chiuso in decima posizione con un 1’42”857.

Il team Movistar Yamaha MotoGP ha invece cancellato il test odierno per il maltempo e ha deciso di dirigersi alla volta di Aragòn, tracciato sul quale proverà domani.

Jack Miller (CWM LCR Honda) e Mike De Meglio (Avintia Racing) sia avventurati in pista anche sotto il diluvio per acquisire esperienza sul bagnato. Miller aveva in programma di esplorare il pacchetto elettronico della sua Honda Open.

I compagni di squadra Eugene Laverty e Nicky Hayden hanno lavorato duramente per tutta la giornata. I due hanno testato un nuovo forcellone. L’americano, reduce da 2  ‘zeri’ consecutivi, ha completato 23 giri con l’11º crono finale, mentre Laverty ha chiuso 17º con un 1’44”517 prima dell’arrivo della pioggia.

Secondo il regolamento, i team Factory avranno il software ‘congelato’ a partire dal GP di Germania al Sachsenring, ovvero tra appena due round: questo significa che oggi era  l’ultima occasione a disposizione delle strutture ufficiali per testare le proprie significative novità.

Il team Repsol Honda sarà uno di questi: in realtà la squadra ufficiale HRC ha già introdotto nel weekend di gara un aggiornamento importante per consentirgli di gestire al meglio la sua RC213V.

Suzuki invece avrà ancora più tempo in pista per ottenere il massimo dall’evoluzione del propulsore che ha fatto il suo debutto in pista venerdì nelle FP1. Prove sulle mappature e sull’elettronica dovrebbero aiutare la casa di Hamamatsu a tirare fuori ancora qualche cavallo dalla GSX-RR.

Allo stesso tempo l’Aprilia, che ha mostrato un buon passo di gara in questo fine settimana, proverà una frizione a secco per la prima volta, in linea con il resto della concorrenza. Tale componente comporterebbe un’importante riduzione di peso, utilizzando un olio a bassa viscosità per il proprio motore