Pubblicità

image16x9-img-1024-mediumAnche dopo aver abortito il suo ultimo giro veloce, niente e nessuno, compagno di squadra Rosberg compreso, ha potuto negare la pole position di Hamilton nel Gran Premio di Malesia. Il Campione del Mondo ha rifilato ben 4 decimi al suo compagno-rivale Rosberg mentre dietro alle due Frecce d’argento troviamo le Red Bull di Verstappen e Ricciardo, le uniche che in gara potrebbero impensierire il duo argentato soprattutto se dovessero riscontrare gli stessi problemi accusato a Hockenheim e Monza. Scatteranno dalla terza fila le Ferrari, in ombra anche su questo tracciato.

La prima sessione di qualifica ha visto le squadre di fronte ad un bivio: era possibile passare la qualifica senza usare le gomme più morbide? La Mercedes ha impostato il passo usando le Pirelli a banda gialla mentre all’inizio la Ferrari e la Red Bull sono rimaste con le gomme più dure mentre Force India e Williams seguono la strada della Mercedes e optano per la mescola più morbida. In Ferrari si dovranno ricredere della strategia adottata e al termine del primo giro cronometrato i piloti del Cavallino si trovano in nona e decima posizione. La scelta paga ed entrambe le Ferrari si posizionano dietro al duo Mercedes rimediando un decimo di distacco. Più indietro le Red Bull, con Ricciardo settimo e Verstappen 12°. Eliminati in questa sessione entrambe le Sauber, la Renaulti di Palmer, le due Manor ed Alonso, che dovrà scontare delle penalità per aver sostituito la sua Power Unit.

Nella Q2 monologo ancora di Hamilton, che rifila ben 6 decimi a Rosberg, mentre dietro alle Mercedes risalgono le due Red Bull. Nel finale, rimangono ai box sia Mercedes, che Red Bull e Ferrari e a sorpresa anche la Williams di Massa per tentare l’accesso in Q3. Bottas, le due Hass, le due Toro Rosso e la Renault di Magnussen saranno gli eliminati in questa sessione.

Nella Q3 troviamo subito un Perez velocissimo, prima di essere scalzato a sua volta da Vettel, Verstappen, Raikkonen, Ricciardo e Rosberg protagonista di un sovrasterzo alla curva 15. Ma a ridefinire il ruolo di leader ci pensa Hamilton, che mette tutti in riga con un tempo strepitoso: 1’32″850. Tempo rimasto imbattuto fino a fine sessione, con il rischio pioggia a spaventare i concorrenti. Rosberg deve accontentarsi della seconda posizione mentre la Red Bull pare trovarsi bene su questo tracciato e monopolizza la seconda fila. Male le Ferrari, in quinta e sesta posizione, davanti alle Force India di Perez e Hulkenberg, Button e Massa.

 

POSNOPILOTAAUTOQ1Q2Q3GIRI
144Lewis HamiltonMERCEDES1: 34,4441: 33,0461: 32,85011
26Nico RosbergMERCEDES1: 34.4601: 33,6091: 33,26412
333Max VerstappenRED BULL RACING TAG HEUER1: 35,4431: 33,7751: 33,42015
43Daniel RicciardoRED BULL RACING TAG HEUER1: 35,0791: 33,8881: 33,46712
55Sebastian VettelFERRARI1: 34,5571: 33,9721: 33,58417
67Kimi RäikkönenFERRARI1: 34,5561: 33,9031: 33,63216
711Sergio PerezFORCE INDIA MERCEDES1: 35,0681: 34,5381: 34,31917
827Nico HulkenbergFORCE INDIA MERCEDES1: 34,8271: 34,4411: 34,48915
922Jenson ButtonMCLAREN HONDA1: 35,2671: 34,4311: 34,51817
1019Felipe MassaWILLIAMS MERCEDES1: 35,2671: 34,4221: 34,67113
1177Valtteri BottasWILLIAMS MERCEDES1: 35,1661: 34,5779
128Romain GrosjeanHAAS FERRARI1: 35.4001: 35,00114
1321Esteban GutierrezHAAS FERRARI1: 35,6581: 35,09714
1420Kevin MagnussenRENAULT1: 35,5931: 35,27713
1526Daniil KvyatTORO ROSSO FERRARI1: 35,6951: 35,36912
1655Carlos SainzTORO ROSSO FERRARI1: 35,6051: 35,37412
179Marcus EricssonSAUBER FERRARI1: 35,8168
1812Felipe NasrSAUBER FERRARI1: 35,9498
1930Jolyon PalmerRENAULT1: 35,9998
2031Esteban OconMRT MERCEDES1: 36,4519
2194Pascal WehrleinMRT MERCEDES1: 36,5879
2214Fernando AlonsoMCLAREN HONDA1: 37,1555

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com