Pubblicità

wrc-2016-corsica-ven-15Dopo l’annuncio nei giorni scorsi dell’abbandono di Audi dal WEC e 24 Ore di Le Mans, oggi arriva un’altra notizia che ha sconvolto il motorsport: la Volkswagen, che ricordiamo possiede anche Audi, ha deciso di abbandonare il progetto WRC a partire dalla prossima stagione, programma iniziato nel 2013 con la Polo WRC con la quale la casa di Wolfsburg ha collezionato ben quattro titoli piloti per mano di Sebastien Ogier e quattro titoli costruttori.

A spingere i vertici Volkswagen a ridimensionare le attività in pista, con Audi prima e con la stessa Volkswagen oggi, sono state le perdite che l’intero gruppo ha sofferto dopo lo scandalo “Diesel-gate” dello scorso anno. “Il Gruppo Volkswagen sta affrontando sfide enormi e dobbiamo concentrarci con tutte le nostre forze sulle tecnologie del futuro”. Si legge in un comunicato rilasciato dalla stessa casa tedesca “Abbiamo superato i nostri obiettivi sportivi nel WRC. Ora dobbiamo riorganizzare Volkswagen Motorsport spostando l’attenzione su differenti tipi di vetture, concentrandosi maggiormente sulle corse clienti, quali la Golf GT TCR e il Maggiolino GRC nel campionato Rallycross.”

Ogier, Latvala e Mikkelsen , che stavano sviluppando la Polo WRC 2017 secondo i nuovi regolamenti FIA, ora dovranno trovarsi un’altro sedile per la prossima stagione “Voglio ringraziare tutti i nostri piloti e co-piloti per i successi che hanno regalato a Volkswagen in questi anni. Non sono stati solamente veloci , ma anche degli ottimi ambasciatori estremamente efficaci del marchio Volkswagen.” fa sapere Frank Welsch

Con la Volkswagen fuori dal Mondiale WRC, ora la contesa per il titolo è ristretta a solo quattro case costruttrici, Citroen, Hyundai, M-Sport e la debuttante Toyota. Ora resta da vedere il destino di Porsche, altro marchio del Gruppo Volkswagen, se continuerà o meno la sua presenza nel WEC o se anche in questo caso, le attività in pista verranno ridimensionate.

 

 

 

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com