Pubblicità

Valtteri Bottas si porta a casa una meritata vittoria in terra Austriaca dopo un duello nel finale con Vettel. Ricciardo regola Hamilton e completa il podio mentre è solamente quinto l’altro ferrarista Raikkonen. Bottas ha corso magistralmente e, complice una vettura ben bilanciata, ha controllato per tutta la gara la Ferrari di Vettel che nei giri finali si era portata a ridosso della Mercedes senza però metterle pressione. Alle loro spalle era in corso un’altro duello, quello per il terzo posto, tra Ricciardo ed Hamilton con l’australiano che riesce a dominare Lewis che si deve accontentare del quarto posto finale.

Il Gran Premio prende il via con diversi colpi di scena: la prima curva miete già le prime vittime e a farne le spese sono Alonso e Verstappen, colpiti dalla troppa irruenza di Kvyat che sbaglia la staccata. Il russo della Toro Rosso proseguirà la sua corsa ma rimedierà una penalità dai commissari per l’incidente provocato. Intanto i commissari mettono sotto investigazione Bottas dopo che Vettel aveva fatto notare via radio una sua possibile partenza anticipata. Ma le immagini mostrate dalla regia scagionano il finlandese, scattato con un giusto tempismo allo spegnimento dei semafori. Parte a rilento Raikkonen che si fa sorprendere da Ricciardo alla prima curva: il finlandese supererà l’australiano nel rettilineo successivo, ma Daniel è un’osso duro e alla curva 2 maliziosamente lo porta verso l’esterno guadagnando la posizione. Partenza in sordina anche per Hamilton che guadagna solo una posizione e si porta negli scarichi delle due Force India di cui si libererà svariati giri più tardi, per mettersi all’inseguimento di Raikkonen. La Mercedes tenta l’azzardo di anticipare la sosta e richiama al giro 31 Hamilton per il cambio gomme, spedendolo in pista con le Ultrasoft.

Questo azzardo gli permetterà di scavalcare Raikkonen quando il finlandese farà la sua sosta e gli permetterà anche di avvicinarsi a Ricciardo per la lotta al podio. La Ferrari invece sbaglia la tattica di Raikkonen posticipando il pit al 44° giro spedendolo in pista ad oltre 10 secondi da Hamilton. Impensabile una rimonta nei confronti di Lewis, anche se 8 giri dopo il cambio gomme, inizierà ad accusare problemi di blistering dovuti ad un bilanciamento non proprio perfetto della sua monoposto: una situazione che porterà il muretto a pensare ad un’altra sosta per cambiare gli pneumatici ma che per fortuna di Lewis non si concretizzerà.

Intanto Vettel cerca di rompere gli indugi e inizia a guadagnare su Bottas che cerca di rispondere ma il ferrarista giro su giro, guadagna sempre qualche decimo nei confronti di Valtteri. Inizia un duello sul filo dei decimi di secondo e anche sulla vettura di Bottas iniziano a vedersi dei pericolosi blister sulle ruote posteriori. Il divario diminuisce passaggio dopo passaggio per arrivare all’ultimo giro con Vettel incollato al posteriore di Bottas ma non così vicino da tentare la stoccata decisiva. Bottas vince la sua seconda gara in carriera mentre Vettel si deve “accontentare” del secondo posto finale ma che gli permette di allungare in classifica su Hamilton, rimasto dietro a Ricciardo per la lotta al podio.

POSNODRIVERCARLAPSTIME/RETIREDPTS
177Valtteri BottasMERCEDES711:21:48.52325
25Sebastian VettelFERRARI71+0.658s18
33Daniel RicciardoRED BULL RACING TAG HEUER71+6.012s15
444Lewis HamiltonMERCEDES71+7.430s12
57Kimi RäikkönenFERRARI71+20.370s10
68Romain GrosjeanHAAS FERRARI71+73.160s8
711Sergio PerezFORCE INDIA MERCEDES70+1 lap6
831Esteban OconFORCE INDIA MERCEDES70+1 lap4
919Felipe MassaWILLIAMS MERCEDES70+1 lap2
1018Lance StrollWILLIAMS MERCEDES70+1 lap1
1130Jolyon PalmerRENAULT70+1 lap0
122Stoffel VandoorneMCLAREN HONDA70+1 lap0
1327Nico HulkenbergRENAULT70+1 lap0
1494Pascal WehrleinSAUBER FERRARI70+1 lap0
159Marcus EricssonSAUBER FERRARI69+2 laps0
1626Daniil KvyatTORO ROSSO68+3 laps0
NC55Carlos SainzTORO ROSSO44DNF0
NC20Kevin MagnussenHAAS FERRARI29DNF0
NC14Fernando AlonsoMCLAREN HONDA1DNF0
NC33Max VerstappenRED BULL RACING TAG HEUER0DNF0

 

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com