fenati motegi

Romano Fenati doveva fare solo una cosa per sperare ancora nel titolo: vincere. In Giappone ha fatto di più: come ha Misano, ha stravinto, in condizioni difficilissime che lo stesso Fenati ha definito le peggiori dell’intero week end.

Fenati ha fatto una gara magistrale, prima prendendo le misure ad Antonelli, e poi gestendo il ritmo sulla infida pista giapponese che era completamente inondata di acqua.

Per Fenati il discorso mondiale è sempre molto difficile: nonostante la battua a vuoto di Mir, oggi arrivato addirittura fuori dalla zona punti, Romano si trova ora a 55 punti dalla vetta della classifica, un gap davvero importante.

La bella sorpresa per l’Italia sta nelle altre due posizioni del podio: dopo una stagione sofferta, si rivede davanti Niccolò Antonelli, che è stato competitivo per tutto il week end. Una boccata d’aria per l’italiano che in questa annata è stato irriconoscibile.

Terzo Marco Bezzecchi con la Mahindra del Team CIP, anche lui una grande emozione perché arrivare dall’altra parte del mondo per il podio è davvero un bel viaggio.

Quarto un giapponese che però ormai è stato adottato in Italia, Tatsuki Suzuki del Team Sic58, che ottiene un gran risultato nel GP di casa. Se lo merita perché, a detta di Paolo Simoncelli, è davvero un ragazzo forte che ha grandi margini di crescita.

Parlando di italiani, dopo qualifiche disastrose, troviamo settimo Di Giannantonio; al contrario, dopo la bellissima pole position di ieri, Bulega si è perso nel mucchio e ha chiuso al dodicesimo posto appena davanti al compagno di squadra Migno.

Ecco la classifica della gara di Motegi della Moto3: