Ed il pomeriggio assolato di Valencia fa brillare uno dei padroni di casa, Jorge Lorenzo che al suo giro numero 15 su 18 che aveva fatto infila il miglior cronometro: 1.30.640.

Un ottimo Dani Pedrosa si prende la seconda piazza anche lui nel suo circuito, forse più  suo che di Jorge Lorenzo, data la distanza di casa, staccato di appena 0.122 seguito da Andrea Dovizioso staccato  di tre decimi.

Immancabile Johann Zarco continua a fare benissimo nel suo primo anno con la M1 del 2016, seguito quinto da Marc Marquez che ci aveva provato a tenere la testa della classifica subito all’inizio delle libere, il pilota francese chiude la giornata anche quarto nella classifica combinata.

Verso la fine assistiamo anche ad una scivolata di Marc Marquez, alla curva due che stava facendo intorno ai 70-80 Km/h, niente di grave per il campione spagnolo, un gran polverone e ritorna in piedi,  come sempre meglio che scivoli per terra nelle libere che in gara anche se i tifosi Ducati staranno facendo i necessari scongiuri pro Ducati.

Maverick Vinales che avvea fatto meglio del collega di team Yamaha nel pomeriggio inverte le sorti, Valentino Rossi nono e Maverick undicesimo, quinid Valentino Rossi migliora in modo significativo mentre il collega spagnolo retrocede di molto.

Andrea Dovizioso trova il giusto passo sul finire delle prove e sale al terzo posto della FP2 che sarà la stessa posizione della combinata con un ritaro di 0,3s. Dietro di lui l’ex compagno di team Andrea Iannone.

Andrea Iannone stava andando molto bene come al mattino mantenendo il primato fino a dieci minuti dalla fine, ma poi è vittima di una caduta alla curva dieci, nulla di grave per il numero 29 che però danneggia gravemente la moto e non riesce a risalire in classifica chiudendo diciottesimo.

Michele Pirro, wild card del Ducati Team, è nono mentre Danilo Petrucci (Octo Pramac Racing) è più arretrato.

Domani, sabato 11 novembre, le ultime libere e le qualifiche. La categoria MotoGP  sarà in pista dalle 9:55.

La classifica delle libere due a Valencia della MotoGP: