Pubblicità

La Formula 1 finalmente è tornata al lavoro dopo la pausa estiva: il GP del Belgio apre la seconda parte della stagione con la sfida mondiale fra Mercedes e Ferrari, più nel dettaglio tra Hamilton e Vettel. Il verdetto della prima sessione di prove libere a Spa-Francorchamps porta alla ribalta la Rossa con Sebastian Vettel che è stato capace di realizzare un ottimo 1’44″358 con le gomme a mescola Soft, un tempo che è già 1.2 secondi più veloce rispetto alla prima sessione dello scorso anno. Buono l’avvio della SF71H che l’anno scorso faticava di più sui saliscendi delle Ardenne, confermando che questa macchina si adatta bene a tutti i tracciati. Sebastian Vettel ha girato con un’ala particolarmente scarica, mentre Kimi Raikkonen ha montato quella con il profilo principale a cucchiaio. Il finlandese ha chiuso il turno al quarto posto con un distacco di 360 millesimi dal compagno di squadra, completando i lavori cinque minuti prima della bandiera a scacchi con la migliore prestazione in long run. L’aspetto curioso è che dietro a Vettel non sono spuntate le due Mercedes, ma la Red Bull di Max Verstappen. L’olandese ha pagato solo 151 millesimi dalla Ferrari: Verstappen, che è seguito da un grande pubblico di connazionali (si preannunciano 150 mila persone per il weekend belga), con una RB14 dotata di un’ala posteriore quasi priva di incidenza, ha potuto far conto sulla nuova benzina ExxonMobil che a Spa dovrebbe valere un decimo e mezzo. Se Max può sorridere, non sembra finire il momento difficile di Daniel Ricciardo: l’australiano ad inizio turno ha accusato un problema agli iniettori del motore Renault che lo ha costretto a stare inattivo fino alla fine della sessione quando è riuscito a fare qualche giro giusto per vedere che tutto funzionasse a dovere, prima di arrampicarsi al sesto posto a 1″2 dalla vetta.

Tornando alla lotta mondiale Lewis Hamilton ha concluso al terzo posto con in 1’44″676 a oltre tre decimi dalla Ferrari, ma entrambe le W09 hanno dedicato il turno nella valutazione delle gomme Medium e Soft, preferendo raccogliere i dati per la gara, considerando il fatto che il meteo dovrebbe essere molto instabile, promettendo infatti pioggia a intermittenza. Valtteri Bottas, che sarà costretto a partire utimo nella griglia di Spa ha concluso quinto a poca distanza dal suo capitano e leader del mondiale.

Dietro ai tre top team è spuntato Esteban Ocon con la neo nata Force India: il francese che rischia di restare a piedi dopo la “rivoluzione” degli abitacoli estiva ha portato la VJM11 a 1’45″786 precedendo di pochi millesimi la Renault di Nico Hulkenberg. Il tedesco è rimasto chiuso nella morsa delle Force India, visto che Sergio Perez è nono, mentre Carlos Sainz con la seconda Renault è il pilota che ha chiuso la top ten. Bene Pierre Gasly con la Toro Rosso-Honda: il transalpino è 11°, mentre il compagno di squadra Brandon Hartley è solo 15° con un distacco di circa sei decimi dal pilota che si è meritato la promozione alla Red Bull nel 2019.

POSNODRIVERCARTIMEGAPLAPS
15Sebastian VettelFERRARI1:44.35819
233Max VerstappenRED BULL RACING TAG HEUER1:44.509+0.151s20
344Lewis HamiltonMERCEDES1:44.676+0.318s22
47Kimi RäikkönenFERRARI1:44.718+0.360s17
577Valtteri BottasMERCEDES1:44.724+0.366s25
63Daniel RicciardoRED BULL RACING TAG HEUER1:45.558+1.200s4
731Esteban OconFORCE INDIA MERCEDES1:45.786+1.428s22
827Nico HulkenbergRENAULT1:45.951+1.593s19
911Sergio PerezFORCE INDIA MERCEDES1:46.169+1.811s21
1055Carlos SainzRENAULT1:46.210+1.852s19
1110Pierre GaslySCUDERIA TORO ROSSO HONDA1:46.300+1.942s25
128Romain GrosjeanHAAS FERRARI1:46.387+2.029s20
1316Charles LeclercSAUBER FERRARI1:46.554+2.196s20
149Marcus EricssonSAUBER FERRARI1:46.557+2.199s19
1528Brendon HartleySCUDERIA TORO ROSSO HONDA1:46.932+2.574s23
1618Lance StrollWILLIAMS MERCEDES1:46.965+2.607s25
1720Kevin MagnussenHAAS FERRARI1:47.012+2.654s21
1847Lando NorrisMCLAREN RENAULT1:47.364+3.006s26
1935Sergey SirotkinWILLIAMS MERCEDES1:47.367+3.009s23
202Stoffel VandoorneMCLAREN RENAULT1:47.452+3.094s13

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com