Pubblicità

Un finale di stagione che ha riassunto perfettamente l’intero svolgersi della stagione: strategie di gara sbagliate in casa Ferrari, fortuna pazzesca in casa Mercedes. Vince Hamilton ma non sono mancati i colpi di scena.

Al pronti via, è Charles Leclerc a saltare tre piloti portandosi alle spalle di Daniel Ricciardo mentre Lewis Hamilton comanda la gara seguito da Bottas. Le due Ferrari arrancano e si fotocopiano in terza e quarta posizione. Max Verstappen parte malissimo ma subito si mette in mode attack e comincia la rimonta.

Proprio mentre Leclerc sta azzardando l’attacco su Ricciardo, Hulkenberg sorpassa Grosjean. L’anteriore sinistra della Haas tocca la pancia della Renault del tedesco. La vettura francese decolla e si cappotta due volte incendiandosi contro le barriere. Solo gli estintori interni riescono ad evitare il disastro.

https://www.youtube.com/watch?v=j9vApU-eCjo

Charles Leclerc, nel frattempo, attacca Kimi Raikkonen e si porta in quarta posizione prima dell’entrata della safety car. E’ proprio il finlandese a causare un’ulteriore entrata della VSF. La sua Ferrari si ferma sulla griglia, subito dopo la linea di partenza. Finisce così la sua avventura in rosso.

Vettel e Leclerc tentano il cambio di strategia. Il tedesco rientra quinto, Leclerc quindicesimo. Terrore, da li non si scolleranno più se non con aggressivi sorpassi e ritiri avversari. Hamilton, tranne una piccola parentesi Ricciardo, dominerà il GP fino alla fine andando a vincere il 10° gran premio stagionale. Vettel ripara i danni giungendo terzo davanti ad uno stoico Max Verstappen, ormai avvezzo ai podi. Leclerc è settimo dietro ad un grandissimo Carlos Sainz che, dopo tutto, il sangue da campione come quello del padre ce l’ha.

Commento tecnico: darei un bel 3 alla regia. Puntare sul riprendere i VIP sullo yacht, sulle buffonate di Will Smith al box di Hamilton o in veste da cameraman o, ancora, su un furibondo Kimi Raikkonen è stato un errore madornale che ha tolto il pubblico dall’assistere dal vivo a molti fantastici sorpassi in diretta.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com