I team sono a lavoro per sviluppare a dovere le monoposto che prenderanno il via la prossima stagione e in casa Mercedes c’è l’obbiettivo di vincere per la sesta volta consecutiva, il Campionato del Mondo Costruttori.

Ma i tedeschi devono fare i conti con Ferrari e Red Bull, che nelle ultime due stagioni hanno reso la vita difficile al colosso di Stoccarda, dimostrando di poter battere in alcune occasioni le Frecce d’Argento.

Ma Toto Wolff ha recentemente ammesso che i progressi della nuova vettura hanno subito una lieve battuta d’arresto sul fronte della Power Unit. Gli sviluppi che Mercedes auspicava in termini di guadagno di potenza dalla Power Unit, non sono stati quelli sperati dopo aver testato il motore al banco.

Un bel problema per Mercedes, che deve far fronte a voci che vedrebbero Ferrari e Red Bull aver fatto dei passi da gigante in ogni fronte.

 “Le regole per il 2019 sono statecambiate” – ha detto Wolff  –“e il carico aerodinamico delle vetture dovrebbe essere inferiore (pervia delle modifiche all’ala anteriore ndr.). Ma dalle voci che circolano,alcuni team sono stati in grado di recuperare gran parte del carico perso. C’è unosviluppo straordinario attorno alla nuova vettura, per trovare la giusta deportanzariducendo la resistenza aerodinamica e incrementando la potenza del motore. Cistiamo ponendo degli obiettivi ambiziosi dopo aver sentito alcune voci sulfatto che i rivali avevano fatto i giusti progressi, quindi abbiamo aumentatoil target da raggiungere per la prima gara.”

Mazzocco Alessio