Pubblicità

Il capo della Mercedes, Toto Wolff, è onorato di aver raggiunto la Ferrari vincendo cinque campionati mondiali consecutivi di Formula 1.

La conquista del Titolo Iridato da parte di Lewis Hamilton quest’anno ha assicurato l’ennesimo successo per la Mercedes nell’era dei turbo ibridi, che la rende la seconda squadra della storia della F1, dopo la Ferrari, a vincere i titoli piloti e costruttori per cinque anni consecutivi.

Toto Wolff ha detto che il risultato è qualcosa di cui si sente enormemente orgoglioso, ricevendo anche una telefonata di congratulazioni del presidente della FIA Jean Todt , che era la mente del successo della Ferrari con Michael Schumacher negli anni 2000 .

“Mi ha chiamato e ha detto ‘congratulazioni per l’ingresso nel club dei 5. Sono molto onorato di essere in questo club con te’, e ho pensato che dovrei sentirmi molto onorato a far parte di questo club” ha dichiarato Wolff

 “Quindi è stato incredibile quello che ha detto, anche se poi mi ha richiamato dicendomi che in realtà la Ferrari ne ha vinti sei di fila!”

La Ferrari infatti vinse dal 2000 al 2004 sia il Titolo Piloti con Schumacher che quello Costruttori a cui va aggiungersi quello conquistato nel 1999, quando Hakkinen vinse il suo secondo e ultimo Titolo Iridato.

Wolff ha dichiarato che il fatto di eguagliare il record della Ferrari è stato eccezionale.

“Siamo molto soddisfatti dal quinto doppio titolo di fila perchè ci mette nello stesso livello della Ferrari di Todt e Schumacher, che ricordo quando ero più giovane. Ed averla raggiunta mi fa sentire molto onorato e molto grato per questo.”

Il successo della Mercedes nel 2018 è arrivato dopo una battaglia per il campionato che ha portato ad un aumento delle tensioni con la Ferrari in alcune occasioni.

Oltre alle polemiche su un sistema a doppia batteria montato dalla Ferrari, le fasi finali dellastagione comprendevano diverse gare in cui Mercedes ha scelto di non utilizzare i famosi cerchioni con i fori per timore di una protesta da parte della stessa Ferrari.

Pensando agli attriti che si sono stati fra di loro, Wolff riconosce che non c’era nulla fuori dall’ordinario.

“Penso che sia molto difficile mantenere un atteggiamento da gentleman molto amichevole durante la stagione in cui ogni team è ossessionato dalla vittoria”, ha detto.

“Possiamo vedere che le cose stanno tornando alla normalità ora, perché è la nostra piattaforma comune e dobbiamo farla funzionare”.

“Abbiamo bisogno di una relazione per discutere delle cose ed è per questo che penso sia del tutto normale che ci siano momenti più difficili per dialogare e altri più facili”.

“I momenti in cui ci parliamo in modo produttivo sono molto importanti per la F1 e per noi come squadre”.

 

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com