Pubblicità

Jeffrey Herlings difficilmente riuscirà a difendere il titolo di Campione del Mondo classe MXGP. L’infortunio al piede patito dall’olandese ad inizio stagione, durante un allenamento in vista degli Internazionali d’Italia Motocross, necessita di tempi di recupero più lunghi del previsto. Un suo rientro sui tracciati del Mondiale potrebbe avvenire, infatti, solo alla quinta tappa iridata, in programma il 12 maggio a Mantova. Una battuta d’arresto troppo pesante, che di fatto ha già compromesso in partenza la lotta per la conferma del titolo.

Jeffrey Herling ha recentemente rimosso i perni dal piede ed i nuovi esami hanno confermato la necessità di riposo per almeno 4 settimane, dopo le quali potrà risalire nuovamente in sella per allenarsi. Rientrare alla quinta tappa significherebbe lottare solo per la vittoria di qualche GP, oppure sperare nelle sfortune degli avversari, come nel caso di Romain Febvre, infortunatosi in Argentina e costretto a 6 settimane di stop forzato. Per l’olandese si apre quindi la possibilità concreta di approdare oltre oceano per partecipare al National USA, che prenderà il via il 18 maggio con l’Hangtown Motocross Classic a Rancho Cordova, in California.

Una possibilità che a dire il vero era già stata ventilata dallo stesso Herlings nei giorni immediatamente successivi all’infortunio, con post sibillini riversati sui social. La prima conferma ufficiale di questa probabilità arriva però da Pit Beirer che, come riporta Speedweek.com, ha dichiarato:Per Jeffrey ci sarebbe la possibilità di correre la serie completa di gare per il 2019. Però occorre valutare anche il nostro team in America, dove abbiamo driver eccellenti (Cooper Webb e Marvin Musquin). Abbiamo una squadra completamente intatta lì, e per contro abbiamo anche una squadra in Europa, che attualmente è senza pilota. Quindi ci sono alcuni punti interrogativi in questo contesto. Herlings non ha fatto richieste finora, ma iniziamo a pensare al Campionato Nationale USA. Decideremo non appena Herlings sarà in forma e avrà guidato una moto per una settimana“.

Nell’attesa di sapere notizie sul futuro di Jeffrey Herling il circus iridato della MXGP si prepara per la seconda tappa, in programma il 24 marzo sullo spettacolare tracciato di Matterley Basin. Il nostro Tony Cairoli, forte della doppietta in Patagonia, guida la classifica con 50 punti, seguito da Tim Gajser a quota 44 e da Jeremy Van Horebeek a 35 punti. Infortunati, oltre a Romain Febvre, anche Maximilian Nagl ed Evgeny Bobryshev.

Foto @ Fabrizio Carrubba

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com