Pubblicità

Il secondo appuntamento del Mondiale MXGP offre subito una ghiotta opportunità per il campionissimo Tony Cairoli. Con Jeffrey Herling, rivale più pericoloso, fuori dai giochi, e con un altro contendente al titolo, Romain Febvre, costretto al ruolo di spettatore, per il nove volte Campione del Mondo la trasferta oltre Manica potrebbe già rappresentare il primo piccolo ma significativo strappo in classifica.

Dopo la vittoria in Patagonia, Cairoli parte da favorito dunque su una pista che lo scorso anno lo vide sconfitto da Herlings. Voglia di rivalsa dunque, ricordando che comunque, proprio nel 2018 il pilota siciliano fu in grado di fermare l’inarrestabile olandese almeno nella Qualifyng Race. Le due gare misero in scena un grande duello tra i due, sfociato perfino in un contatto che vide Cairoli finire a terra. Herlings firmò la doppietta sempre davanti a Cairoli.

Unica presenza scomoda al cancelletto di partenza rimane Tim Gajser. Lo sloveno è partito forte per questa stagione 2019, voglioso di riprendersi lo scettro iridato conquistato meritatamente nel 2016. I due ottimi secondi posti conquistati a Neuquen hanno dimostrato lo stato di grazia del pilota Honda, che ora segue Cairoli a quota -6 punti di distacco. Sul tracciato di Matterley Basin, Gajser aveva ottenuto una splendida doppietta proprio nell’anno del titolo iridato. Un tracciato pertanto congeniale al rider in seno al team HRC affidato a Gariboldi: “È bello tornare alle corse dopo due settimane di pausa. Mi sono allenato duramente e ho lavorato molto in preparazione per questa gara. Mi piace molto la pista del Matterley Basin quindi non vedo l’ora di fare delle belle gare e divertirmi, il che penso sia la cosa più importante perché se mi posso divertire, so che avrò fatto una buona gara e un buon risultato”.

Anche Romain Febvre è out, sostituito a Matterley Basin dall’australiano Dean Ferris. Rimangono impegnati nel ruolo di out-sider Jeremy Van Horebeek, salito sul podio argentino, ed i soliti Clement Desalle e Gautier Paulin. Nella classe MX2 Jorge Prado è pronto a replicare la doppietta ottenuta in Patagonia, difendendosi dagli attacchi di Thomas Kjer Olse in sella alla Husqvarna , due volte secondo a Neuquen, e di Mitchell Evans, su Honda.

Le sfide sono dunque pronte per essere messe in scena sullo splendido catino naturale di Matterley Basin, 1950 metri di saliscendi circondati da prati inglesi. Qualifyng Race in programma il sabato e consuete gare per entrambe le classi iridate la domenica. Da ricordare che nel programma sono anche schierati al via i piloti impegnati nell’europeo EMX250 ed EMX2t

Credito fotografico Youthstream

 

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com