Pubblicità
Per la settima volta consecutiva nel Campionato del mondo Superbike 2019, Alvaro Bautista (ARUBA.IT Racing – Ducati) vince davanti a Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK). Lo spagnolo fa una partenza perfetta e registra il nuovo record della pista abbassandolo a 1’49”755 e dopo essere stato al comando delle FP1 e della Tissot Superpole.
Anche l’altro pilota dell’ARUBA.IT Racing – Ducati sale sul podio. Il pre-stagione e i primi due round hanno visto un Chaz Davies in difficoltà che però riesce ad interpretare al meglio al Panigale V4 R sulla pista del MotorLand di Aragon che l’ha visto trionfare in sette gare in passato.
Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK), scattato dalla decima casella, ha fatto una rimonta fino al secondo posto dopo aver regalato duelli con Davies e Lowes per assicurarsi la posizione.
Alex Lowes (Pata Yamaha WorldSBK Team) che, pur essendo stato tra i protagonisti di Gara 1, deve accontentarsi di chiudere fuori dal podio a due secondi e mezzo dal connazionale della Ducati. Resta piuttosto in ombra per tutta la gara il suo compagno di squadra Michael van der Mark che chiude sol sesto tempo davanti Sandro Cortese (GRT Yamaha WorldSBK), mentre conclude un’altra giornata difficile Marco Melandri. Nella prima giornata di prove libere al Motorland di Aragon, il ravennate ha avuto problemi con l’inserimento della moto in curva, difficoltà che purtroppo non è riuscito a sistemare nel corso del sabato. Nella Tissot Superpole non è andato oltre la 13esima posizione e in Gara 1 è riuscito a recuperare una sola posizione. Alle spalle di Melandri si piazza Michael Ruben Rinaldi con la Ducati del Barni Racing Team.
Quinto tempo per Tom Sykes (BMW Motorrad WorldSBK Team) che non riesce a difendere la terza posizione conquistata in qualifica. Il pilota inglese centra il quinto miglior tempo confermando comunque il potenziale della S1000 RR. Peccato per il suo compagno di squadra Markus Reiterberger caduto dopo lo spegnimento dei semafori a causa di un contatto avuto con Rea.
Il primo giro ha visto ritirarsi anche Leandro Mercado (Orelac Racing Verdnatura) e Alessandro Delbianco (Althea Mie Racing Team) per un incidente alla curva 12.
Un vero peccato il finale di gara per Eugene Laverty (Team Goeleven) che era riuscito a risalire fino alla quarta posizione ma all’inizio dell’ultimo settore, all’ultimo giro, è scivolato senza riuscire ad ottenere nessun punto in Gara1.
I primi sei classificati. Per vedere la classifica completa clicca qui:
1. Alvaro Bautista (ARUBA.IT Racing – Ducati)
2. Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK)
3. Chaz Davies (ARUBA.IT Racing – Ducati)
4. Alex Lowes (Pata Yamaha WorldSBK Team)
5. Tom Sykes (BMW Motorrad WorldSBK Team)
6. Michael van der Mark (Pata Yamaha WorldSBK Team)

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com

2 COMMENTS

  1. Il vantaggio di Ducati sul rettilineo mi sembra abbastanza imbarazzante, comunque su Bautista nulla da dire.

  2. Chissà quanto aspetteranno in Dorna a chiedergli di andare più piano, come fecero con Rea…
    Ducati l’ha già fatto ma giusto per non rendere la cosa ancora più ridicola…

Comments are closed.