Pubblicità

Che gare quelle della Moto3! E come sempre anche al COTA di Austin, Texas, lo spettacolo non è mancato. Faceva ben sperare la pole di Niccolò Antonelli, così come faceva ben sperare l’ottimo passo di Romano Fenati, scatenato a partire dalle FP1 e FP2 ed autore del miglior tempo nel Warm Up. Ma queste sono le corse ed i risultati sono imprevedibili. E così la vittoria della Moto3 va nelle tasche di Aron Canet, mentre l’italiano più veloce diventa Andrea Migno, terzo sul podio alle spalle di Jaume Masia.

Come sempre gruppo compatto e continui scambi di posizione. Basta un nulla per perdere posizioni importati o per guadagnare ai danni degli avversari meno precisi. Antonelli retrocede in poco tempo, mentre Migno guadagna posizioni fino a portarsi addirittura in testa.

Una gara subito infiammata dal duello Antonelli-Fernandez a cui si aggiunge subito Rodrigo e poi Binder. Con Antonelli in testa alla corsa si sposta l’occhio su Fenati, che dalla dodicesima posizione inizia a risalire. Gruppo compatto e tra un errore e l’altro Suzuki si porta al comando, mentre Andrea Migno da corpo al suo rientro in corsa con una netta progressione. Binder sbaglia e retrocede.

Fenati prova a rientrare nel gruppo, ma un contatto con Kornfeil mette entrambi i piloti fuori dai giochi. Suzuki sembra avere qualcosa in più e la lotta si accende tra Migno e Canet, fino a quando il giapponese perde l’anteriore alla curva 7 e finisce a terra la sua corsa.

Andrea Migno comanda seguito da un gruppo agguerrito con scambi di posizione che stravolgono le posizioni nel finale. Canet prende un margine di sicurezza che lo porta sotto la bandiera a scacchi con quasi un secondo di vantaggio sul gruppo in volata. Arrivano nell’ordine Masia (+0,909), Andrea Migno (+1,077), Rodrigo (+1,104), Niccolò Antonelli (+1,187) e Tony Arbolino (+1,322).

Gli altri italiani: nono posto per Vietti, davanti a Foggia. 13Esimo Lorenzo Dalla Porta, 21esimo Riccardo Rossi.

Photo Twitter @aroncanet44

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like ai profili Facebook, Twitter e Linkedin di GIORNALEMOTORI
Vuoi entrare nella nostra redazione? Scrivici a redazione@giornalemotori.com